Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia � su Twitterrss qds

Quotidiano di Sicilia

Palermo - Pronti 25 nuovi immobili per l’emergenza abitativa
di Redazione

Consegnati dall’Agenzia per i Beni confiscati al Comune di Palermo

Tags: Palermo, Beni Confiscati, Mafia



PALERMO - Nella serata di ieri, all’interno dei locali dell’hotel San Paolo Palace, si è tenuto un incontro tra il prefetto Umberto Postiglione, direttore dell’Agenzia nazionale dei Beni confiscati e il sindaco di Palermo, Leoluca Orlando. Nel corso del vertice sono stati consegnati al Comune 25 nuovi immobili, di cui dodici appartamenti liberi, da destinare all’emergenza abitativa, sei appartamenti locati e sette immobili vari fra magazzini, terreni e box.

Gli appartamenti liberi saranno immediatamente messi a disposizione per lo scorrimento della graduatoria sull’emergenza abitativa e secondo quanto riferito dall’Amministrazione comunale, le consegne degli stessi ai beneficiari potranno avvenire già nel giro di dei prossimi 15 giorni.

“Esprimiamo grande soddisfazione – hanno affermato in una nota congiunta il sindaco Leoluca Orlando e l’assessore comunale al Patrimonio, Luciano Abbonato - per l’assegnazione, al Comune di Palermo, di questi immobili confiscati alla mafia, che contribuiscono, congiuntamente alle altre recenti assegnazioni, a incrementare il percorso di uscita dell’emergenza abitativa”.
“Il numero degli immobili – hanno aggiunto il sindaco e l’assessore - consegnati negli ultimi otto mesi alle famiglie palermitane, in graduatoria per l’emergenza abitativa, sale così a 45”.

Al termine della nota, i due rappresentanti dell’Amministrazione comunale del capoluogo hanno precisato come “gli immobili non destinati all’emergenza abitativa saranno oggetto di un bando, che sarà pubblicato prossimamente, successivamente all’approvazione del relativo regolamento da parte del Consiglio comunale”.

Articolo pubblicato il 27 giugno 2015 - © RIPRODUZIONE RISERVATA


comments powered by Disqus