Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia Ŕ su Twitterrss qds
Quotidiano di Sicilia
Il QdS sul tuo smartphone
Scegli la tua app

Gestione innovativa delle risorse, intesa fra istituzioni e imprese
di Redazione

Tra gli obiettivi del protocollo il miglioramento del sistema idrico integrato

Tags: Anci Sicilia, Leoluca Orlando



“Il territorio è la nostra grande ricchezza. Non possiamo più permetterci di muoverci su un piano emergenziale. Dobbiamo investire con urgenza sul tema della prevenzione rispetto alla tutela dell’ambiente, con l’obiettivo di salvaguardare la salute dei cittadini. Le politiche a tutela dell’ambiente non sono solo indispensabili per la salute e il benessere delle persone, ma rappresentano anche un’opportunità di sviluppo per mettere le energie rinnovabili nel motore della crescita della nostra Regione.
 
In questa prospettiva di cultura ambientale deve rientrare la gestione integrata dei rifiuti, attraverso politiche di incentivi al riuso e al riciclo che possano generare nuove imprese e nuova occupazione, e la gestione in chiave innovativa del servizio idrico integrato. Ricordiamo, infatti, che la Sicilia é una regione in cui la penuria d’acqua in alcuni comuni è ancora una realtà concreta, con grave danno per l’economia, ma soprattutto della dignità dei cittadini. E questo gap  è frutto dell’incapacità della Regione di dotarsi di norme credibili ed efficaci”.

Questo il commento di Leoluca Orlando e Mario Emanuele Alvano, rispettivamente presidente e segretario generale dell’AnciSicilia, che lunedì 29 giugno, a Palazzo delle Aquile, alla presenza, fra gli altri, di Marcello Candela delle Piccole e medie imprese Sicilia, hanno sottoscritto una convenzione per un Accordo di rete con l’Istituto per l’Ambiente marino costiero del Cnr, il Dipartimento di Energia, Ingegneria dell’Informazione e Modelli matematici dell’Università degli studi di Palermo, la Consulta degli Ordini degli ingegneri della Sicilia, l’Unione delle Università del Mediterraneo, l’Amap, l’Azienda servizi energetici del Comune di Catania e con Partner servizi integrati Sicilia.

“Obiettivo di questo accordo – hanno aggiunto Orlando e Alvano – è quello di creare le necessarie sinergie, in modo da definire una programmazione coerente ed efficace che assicuri il miglior utilizzo delle risorse economiche, strumentali e umane disponibili, sulla base delle esigenze e delle criticità specifiche dei territori. Non è più ammissibile impoverire e rovinare il patrimonio ambientale che rappresenta la vera ricchezza e la più grande opportunità di sviluppo della nostra Regione. In questo caso, le sinergie istituzionali diventano fondamentali soprattutto per attuare un’efficace politica della prevenzione. La stipula di questa convenzione è quindi il primo passo, a cui seguiranno diverse azioni, con l’ambizione di dare un forte impulso e maggiore incisività alla politica di prevenzione e protezione ambientale”.

In particolare, l’Accordo di rete attiverà una collaborazione nei settori dell’energia sostenibile, del sistema integrato dei rifiuti, del sistema e delle metodologie operative del sistema idrico integrato, delle acque marine e interne, della prevenzione dal rischio idrogeologico, anche con l’obiettivo di individuare e utilizzare le risorse previste dal nuovo Por 2014-2020. Le parti si impegnano a sviluppare progetti e programmi di ricerca per mettere in atto una strategia operativa con attività di interesse comune per lo sviluppo della Sicilia e dei suoi territori.

Articolo pubblicato il 01 luglio 2015 - © RIPRODUZIONE RISERVATA


comments powered by Disqus

´╗┐