Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia è su Twittergoogle qds rss qds
Quotidiano di Sicilia
Catania - Che fatica pulire piazza Carlo Alberto tra sosta selvaggia e pochi vigili
di Margherita Montalto

Nello storico mercato cartelli di divieto ignorati dai cittadini. Neanche gli ambulanti rispettano gli orari. Le difficoltà quotidiane dei netturbini. Una sola pattuglia, che spesso è altrove

Tags: Catania, Dusty, Enrico Rabbiolo, Domenico Mignemi, Rifiuti



CATANIA –Il senso di civiltà deve essere imposto soprattutto per fare comprendere che la città non è “degli altri”. Pertanto fornendo il buon esempio e senza cedere il passo agli incivili e dargliela vinta, proseguiamo e non ci arrendiamo a risolvere “il caso della terra di nessuno”. Così è chiamata dagli operatori ecologici e dai responsabili del controllo del Comune di Catania la zona  dove è ubicato il mercato di piazza Carlo Alberto e le vie limitrofe occupate dagli ambulanti di piazza Grenoble, Via Puccini e dintorni.

Il direttore territoriale della Dusty Srl, Enrico Rabbiolo, commenta: “La situazione è critica, in quanto mancano i controlli dei vigili urbani in queste zone che, per disposizione del sindaco, sono chiuse al transito e alla sosta nelle ore in cui si avvia il servizio di pulizia. Tra l’altro i cartelli di divieto sono dislocati in tutti i punti strategici e sono ben visibili da tutti i cittadini, ma nessuno li osserva e li rispetta, continuano a sostare e transitare indisturbati, magari infastiditi dalla nostra presenza. Queste zone, appena sgombre dalle bancarelle, diventano immediatamente zone di posteggio. Tutto questo crea notevoli disagi ai nostri operatori che non possono eseguire il lavoro senza intoppi sia perché gli ambulanti non rispettano mai l’orario di chiusura previsto per le 13,30 quindi sono costretti a ritardare, sia per l’impossibilità di passare con i mezzi a causa delle soste selvagge”.

Tutta la vicenda è una questione di ordine pubblico e non dipende dalla situazione finanziaria del Comune. Ogni giorno un addetto al controllo cooperative N.U. del Comune di Catania monitora l’area del mercato eseguendo un’ulteriore supervisione finale sul lavoro di pulizia svolto dagli operatori. “Ogni giorno – sottolinea  un ispettore ecologico – ritroviamo  la stessa situazione. Ogni giorno siamo costretti a redigere la medesima relazione evidenziando che lo sgombero dei rifiuti è eseguito correttamente ma con difficoltà perché  i vigili urbani non sono presenti. Ripetutamente li chiamiamo ad intervenire per le quotidiane anomalie, ma ritardano o addirittura non passano e la risposta è sempre la stessa: “Non c’è la pattuglia disponibile”. Anche l’assessorato all’Ecologia retto da Domenico Mignemi ha provato a pressare affinché una squadra si presentasse in zona, ma non c’è stato nessun effettivo o costante riscontro.

Dal Comando ddella Polizia municipale si specifica che: “Giornalmente una pattuglia è in servizio nella zona di piazza Carlo Alberto con il preciso compito di favorire il transito e la circolazione dei compattatori dell’impresa che si occupa dello smaltimento dei rifiuti nel mercato. In passato, probabilmente, le priorità di intervento nella zona erano diverse. Oggi nelle disposizioni al personale è prioritario il rispetto delle disposizioni del Codice della Strada e delle ordinanze emanate di recente dall’amministrazione comunale. Una pattuglia viene giornalmente destinata al servizio, può naturalmente accadere che, per urgenti ed indifferibili esigenze di servizio, la pattuglia venga destinata altrove”.
Purtroppo così non va. Dovremmo cercare di educare non solo i cittadini ma anche le istituzioni a evitare lo scaricabarile, perché così facendo sembra che la colpa non sia di nessuno, mentre si perde di vista il bene della nostra città.

Articolo pubblicato il 03 novembre 2009 - © RIPRODUZIONE RISERVATA


comments powered by Disqus
La pulizia in piazza Carlo Alberto (mm)
La pulizia in piazza Carlo Alberto (mm)
Un cartello che indica il divieto di sosta (mm)
Un cartello che indica il divieto di sosta (mm)
Domenico Mignemi, assessore allÂ’Ecologia (mm)
Domenico Mignemi, assessore allÂ’Ecologia (mm)
Il direttore territoriale della Dusty Srl, Enrico Rabbiolo (mm)
Il direttore territoriale della Dusty Srl, Enrico Rabbiolo (mm)