Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia Ŕ su Twitterrss qds
Quotidiano di Sicilia
Il QdS sul tuo smartphone
Scegli la tua app

Po Fesr 2007/13: countdown per 2,1 mld
di Liliana Rosano

La Regione ha tre mesi per spendere un terzo di quanto speso in nove anni: il 31 dicembre restituzione automatica. Fesr inchiodato al 68% di spesa. Burocrazia e clientelismi frenano lo sviluppo

Tags: Fesr, Unione Europea, Sicilia, Burocrazia



Una corsa al photo-finish per evitare il disimpegno automatico alla scadenza del 31 dicembre.
L’annosa questione dei fondi europei, con la Sicilia che corre affannata per salire sull’ultimo treno è un film già visto più volte.
Questa volta ci sono in palio 2,1 miliardi di euro da spendere in tre mesi quando la Sicilia aveva nove anni di tempo per farlo.
Tutto inizia con il Fondo europeo di sviluppo regionale 2007-2013 e il Fondo europeo sociale. Al primo,  erano stati destinati inizialmente ben 6,5 miliardi di euro, poi ridotti a 4,3 miliardi per manifesta incapacità di spesa del governo regionale precedente. L’assegnazione del secondo fondo (FSE) è invece di 1,3 miliardi di euro. A fine agosto 2015, quando mancano tre mesi dalla fine della programmazione, la spesa certificata del Fesr, si ferma a 3 miliardi di euro mentre quella del Fse a poco più di 1 miliardo.

Articolo pubblicato il 01 ottobre 2015 - © RIPRODUZIONE RISERVATA


comments powered by Disqus

´╗┐