Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia Ŕ su Twitterrss qds
Quotidiano di Sicilia
Il QdS sul tuo smartphone
Scegli la tua app

Senza idrocarburi la Sicilia si ferma
di Rosario Battiato

Il no dell’Ars all’adesione per i sei quesiti referendari promossi dalle Regioni riflette la Strategia energetica nazionale. Rinnovabili in crescita, ma non riescono ancora a soddisfare le esigenze

Tags: Idrocarburi



PALERMO – Le trattative sono soltanto all’inizio, ma la corsa del referendum non si ferma. Dieci Consigli regionali hanno manifestato la loro opposizione alla politica energetica del governo e adesso, in attesa che l’iter referendario faccia il suo corso, ci si aspetta un confronto serrato per bloccare il passaggio del controllo della politica energetica a Roma.
Per la Sicilia, che in seguito al recente voto all’Ars non si è associata al novero delle regioni referendarie, la situazione è ancora più complicata. Nell’Isola si prevedono investimenti colossali per la riconversione della raffineria gelese e per le attività di ricerca nuovi pozzi, ma c’è anche un comparto intero che sulla produzione di idrocarburi liquidi e gassosi tiene in piedi una parte consistente del comparto produttivo. E questo il governatore Crocetta lo sa bene.

Articolo pubblicato il 02 ottobre 2015 - © RIPRODUZIONE RISERVATA


comments powered by Disqus

´╗┐