Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia � su Twitterrss qds

Quotidiano di Sicilia

Catania - Operazione antimafia contro il clan Mazzei
di Redazione

Nell'ambito dell'operazione condotta dalla Guardia di Finanza sono stati eseguiti arresti e sequestri nei confronti dei reggenti del clan Mazzei

Tags: Catania, Mafia



CATANIA (ITALPRESS) - Il Comando Provinciale della Guardia di Finanza di Catania, a conclusione di indagini coordinate dalla locale Procura Distrettuale, sono stati eseguiti arresti e sequestri nell'ambito di un'operazione antimafia nei confronti dei reggenti del clan Mazzei, radicato a Catania e provincia.
 
Gli arrestati sono Gioacchino Massimiliano Intravaia, 39 anni; Carmelo Occhione, 51 anni; Sergio Gandolfo, 51 anni; Cristian Marletta, 19 anni; Michele Isaia, 29 anni; Giuseppe Caruso, 29 anni; Nunzio Fabio Tenerelli, 30 anni. L'operazione ha consentito di definire i nuovi assetti della famiglia mafiosa dei Mazzei (cosiddetti "carcagnusi"), individuando i reggenti del clan che ne hanno mantenuto le redini durante il periodo di latitanza del capo indiscusso Sebastiano (detto "Nuccio") e di altri affiliati.
 
Sono stati ricostruiti i nuovi investimenti operati dalla cosca, in particolare quelli nella gestione, per il tramite di prestanomi e di due imprese, della discoteca catanese del "69 Lune Fashion Club". Per tale motivo il G.I.P. del Tribunale di Catania ha disposto il sequestro delle quote della società "Meta Harmony S.r.l." e della ditta individuale "69 lune", per il tramite delle quali la famiglia Mazzei gestiva la discoteca.
 
L'accusa per tutti è di associazione a delinquere di tipo mafioso finalizzata a reati contro la persona e contro il patrimonio nonché all'illecita acquisizione e gestione di attività economiche. Inoltre, a Nunzio Fabio Tenerelli, è contestato il reato di rapina per aver, il 30 giugno 2014, unitamente ad altre sei persone non ancora identificate, assaltato, armi in pugno ed esplodendo alcuni colpi di armi da fuoco, un treno alla Stazione di Acireale per poi sottrarre a una cittadina cinese uno zaino contenente denaro contante.
 
 

Articolo pubblicato il 06 ottobre 2015 - © RIPRODUZIONE RISERVATA


comments powered by Disqus