Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia  su Twitterrss qds
Quotidiano di Sicilia
Il QdS sul tuo smartphone
Scegli la tua app

Il ministro Lorenzin a Messina: "La sanità siciliana è migliorata"
di Redazione

Ospite all’inaugurazione dell’anno accademico dell’Università, focus sulla situazione dell’Isola. “La normativa sull’orario di lavoro garantisce ai medici il loro riposo”

Tags: Sanità, Beatrice Lorenzin



PALERMO - “La sanità siciliana è molto migliorata dal punto di vista economico, ha raggiunto pressoché un equilibrio di bilancio. Deve fare però un grande lavoro sui livelli essenziali di assistenza, per il miglioramento della qualità dei servizi sulla messa in moto della reti ospedaliere, di urgenza e di specialità”. Lo ha detto ieri il ministro della Salute Beatrice Lorenzin a margine dell’inaugurazione dell’anno accademico dell’università di Messina.

“Queste procedure - dichiara il ministro - permetteranno alla regione Siciliana una volta applicate di essere esattamente uguale alle regioni del Centro Nord Italia”.

Sulla questione dell’ospedale Piemonte di Messina che a breve dovrebbe essere accorpato al Neurolesi il ministro ha auspicato di “potere vedere a breve raggiunto l’obiettivo: cioè quello di un’azienda unica che funzioni in modo efficiente e integrato come merita questa città, che tra l’altro ha una proiezione non solo sulla Sicilia ma sull’area Mediterranea e sulla Calabria”.

“Quando è successo il fatto della piccola Nicole abbiamo avviato un task force non solo per la Sicilia, ma per tutta l’Italia, spero che questo sia nell’interesse di tutti - continua il ministro citando il caso di Nicole, la neonata morta durante il trasporto in ambulanza in ospedale da Catania a Ragusa - Il mio interesse  é presentare presto il lavoro fatto dopo una vicenda cosi drammatica”.

“La normativa sull’orario di lavoro che va applicata garantisce innanzitutto che i medici possano avere il loro riposo come meritano e, come è necessario, per mantenere la sicurezza all’interno degli ospedali. - conclude - Ora sta alle Regioni e al Governo trovare le risorse per garantire lo sblocco del turnover”.

Articolo pubblicato il 01 dicembre 2015 - © RIPRODUZIONE RISERVATA


comments powered by Disqus