Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia � su Twitterrss qds

Quotidiano di Sicilia

Strade siciliane, il peggio deve venire
di Rosario Battiato

Il caso del viadotto sulla Palermo-Sciacca, chiuso e riaperto in tempi brevissimi, è l’ultimo campanello d’allarme. Sono quasi 13mila i punti critici nella viabilità a causa del movimento franoso

Tags: Infrastrutture, Sicilia, Viabilità



PALERMO – Non servono più spinte o stimoli, adesso è il momento di agire.
L'Anas ha scoccato la freccia del piano pluriennale da oltre 20 miliardi di interventi sulle strade nazionali (all'interno dell'inchiesta tutti i numeri relativi alla Sicilia), ma il dissesto è già entrato da tempo nel cuore delle arterie viarie isolane.
Viadotti e ponti ferroviari, strade statali, provinciali e comunali, nessuno può dirsi al sicuro in una Sicilia che, proprio per ammissione dell'Anas, risulta essere da anni nel mirino del dissesto e in cima alle priorità nazionali per coinvolgimento delle sue infrastrutture di trasporto.
Adesso serve la capacità di spesa e la programmazione, azioni che per troppi anni la Sicilia, nelle varie amministrazioni coinvolte, è stata incapace di gestire in maniera adeguata.
(Per leggere l'inchiesta completa abbonati qui o acquista il giornale in edicola)

Articolo pubblicato il 03 dicembre 2015 - © RIPRODUZIONE RISERVATA


comments powered by Disqus
Le criticità nella rete siciliana dei trasporti
Le criticità nella rete siciliana dei trasporti