Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia � su Twitterrss qds

Quotidiano di Sicilia

Matteo Renzi: "Non d'accordo su tutto ma uniti da spirito Ue"
di Redazione

Vertice a Berlino. Merkel: accordo su Turchia. Renzi: ok, ma l’Europa risponda

Tags: Matteo Renzi, Angela Merkel, Unione Europea



BERLINO - Italia e Germania vivono “un momento di grandi sfide”, ma esiste “uno spirito europeo” che le unisce “nella consapevolezza che necessitano dell’Ue”. Così la cancelliera tedesca Angela Merkel durante la conferenza stampa seguita al bilaterale con il presidente del Consiglio Matteo Renzi che ha commentato: “Sono felice perché grazie agli sforzi del popolo e del governo italiano, e grazie anche alla buona collaborazione con la Ue e agli amici tedeschi, per la prima volta sono qui non con un elenco di impegni e promesse, ma con un elenco di risultati molto importanti”.

Novità che sono state lodate da Merkel: “Il premier Renzi è partito con un’agenda di riforme molto ambiziosa e il Jobs Act si muove nella direzione giusta. Il successo di queste riforme sarà un contributo importante all'Europa e all’Italia” rilevando come “le indicazioni Ue sulla flessibilità siano state spesso fraintese”. La cancelliera - che ha annunciato la presidenza del G7 all’Italia e quella del G20 alla Germania - ha poi affermato di voler “organizzare una conferenza economica” per rafforzare la cooperazione economica bilaterale tra i due Paesi.

Per quanto riguarda l’attualissimo problema dei migranti, Renzi ha sottolineato come questo sia “un momento delicato per la storia d’Europa”. Sulla questione “insieme alla Germania siamo pronti a superare le incomprensioni; bisogna rimuovere le cause di questi flussi eccezionali”. “Italia e Germania possono fare di più insieme, occorrono strategie per evitare flussi di massa” ha replicato Merkel secondo cui c'è necessità di “controllare bene gli arrivi soprattutto sulle coste”. “Abbiamo bisogno di progressi - ha proseguito -; io ho fatto presente a Matteo che sulla rotta dei Balcani occidentali ogni giorno si trovano duemila persone: è un numero alto, trattandosi di inverno. Dobbiamo combattere soprattutto l’illegalità e questo significa combattere il traffico di essere umani. Nel frattempo abbiamo già potuto dare l’avvio a una lotta efficace contro questi scafisti”.

Urgente poi un accordo con la Turchia per mettere un freno all’emergenza profughi, ha precisato Merkel. “La scommessa comune sui rifugiati vede Germania e Italia dallo stesso lato, pensiamo ci vogliano regole chiare, che vadano rispettate e verificate in qualche misura giorno dopo giorno. L’Italia è pronta a fare la propria parte su questo, conosciamo il dramma degli esseri umani trasportati dagli scafisti, che possiamo chiamare schiavisti” ha replicato il presidente del Consiglio per cui peraltro “se perdiamo Schengen perdiamo l’Europa”.

Articolo pubblicato il 30 gennaio 2016 - © RIPRODUZIONE RISERVATA


comments powered by Disqus