Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia Ŕ su Twittergoogle qds rss qds
Quotidiano di Sicilia

Energia dai rifiuti, in Sicilia si parte
di Rosario Battiato

Dalla Conferenza Stato-Regioni il sì agli impianti, ora per il Governo Crocetta non ci sono più scuse. Pubblicare subito i bandi per trasformare almeno 700 mila tonnellate l’anno

Tags: Rifiuti, Sicilia, Energia, Termovalorizzatori



PALERMO – Forse ci sarà ancora qualche minima possibilità di manovra sul numero, ma la certezza è che in Sicilia si faranno gli impianti per la valorizzazione energetica del rifiuto. Saranno due, secondo il piano del governo nazionale varato lo scorso luglio, ma potrebbero, almeno nelle speranze della Regione, anche essere sei e più piccoli, senza per questo modificare il quantitativo stimato di 700 mila tonnellate all’anno.
Un risultato calcolato sulla base della Sicilia futura e virtuosa che dovrà necessariamente garantire una gestione del rifiuto nei limiti di legge – almeno il 65% di differenziata, nel 2014 si è superato di poco il 12% – e una netta riduzione della produzione.
Soltanto così si potranno rendere marginali le discariche che, pur essendo al limite della saturazione, continuano a rappresentare di gran lunga il “sistema” di gestione dei rifiuti nell’Isola.
(Per leggere l'inchiesta completa abbonati qui o acquista il giornale in edicola)

Articolo pubblicato il 09 febbraio 2016 - © RIPRODUZIONE RISERVATA


comments powered by Disqus

´╗┐