Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia è su Twitterrss qds
Quotidiano di Sicilia
Il QdS sul tuo smartphone
Scegli la tua app

Catania - Lungomare, al via realizzazione della pista ciclabile
di Desirée Miranda

Collegherà piazza Europa a piazza Mancini Battaglia per circa 2.2 km: 168 mila € il costo totale. Sindaco Bianco: “Un passo in avanti compiuto verso la mobilità sostenibile”

Tags: Catania, Pista Ciclabile, Enzo Bianco



CATANIA - Grandi progetti per una pista ciclo-pedonale per il lungomare di Catania, reduce dal secondo appuntamento del 2016 con il Lungomare liberato. Spazio e tempo per ciclisti e pedoni che hanno fatto della domenica di carnevale, quella subito dopo la festa di Sant’Agata, una festa cittadina. Un appuntamento che presto potrebbe associarsi, anzi, dovrebbe, visto che il sindaco Enzo Bianco ha confermato la volontà di proporre tutto l’anno l’appuntamento pedonale al lungomare, alla grande pista ciclabile che l’amministrazione ha presentato pochi giorni fa.

“Un segnale concreto per una città che guarda alla bicicletta come a un passo in avanti compiuto verso una mobilità sostenibile”, lo definisce il primo cittadino. Una pista di cui si discute da anni e che il sindaco Bianco insieme a quello di Acicastello Filippo Drago aveva già annunciato circa due anni fa e che dovrebbe vedere finalmente la luce i primi di maggio a cui dovrebbe aggiungersi una pista running quale donazione dalla Federazione nazionale Atletica leggera. Ciò che si prevede è una pista che colleghi piazza Europa a Piazza Mancini Battaglia sul lato mare per un totale di 2.200 metri circa nei due sensi di circolazione. 168 mila euro è il costo totale dell’appalto aggiudicato dalla ditta Betel Costruzioni srl di Belpasso con la direzione dei lavori del geometra Carmelo Martelli e su progetto del geometra Sebastiano Scaccianoce.

“Prevediamo un percorso dalle superfici regolari, senza le asperità dovute alle botole dei sotto-servizi, per garantire la massima sicurezza ai ciclisti”, afferma Bianco. Il primo passo dovrebbe essere una scarifica del manto d’asfalto esistente per circa due centimetri, procedere poi a una nuova pavimentazione flessibile dello spessore di cinque centimetri e finire con la verniciatura con colori antiscivolo della pista ciclabile. Sono previste anche, da realizzare contemporaneamente, rampe per i diversamente abili e gli attraversamenti pedonali. La pista sarà realizzata dove adesso ci sono dei parcheggi, tra le poche zone in città dove prevalgono le strisce bianche e quindi parcheggi gratuiti invece che blu e quindi a pagamento, parcheggi auto che ovviamente non ci saranno più per fare spazio alla pista ciclabile. 190 per la precisione. Il sindaco però promette nuovi posti auto in zona “perché siamo molto attenti alle esigenze dei commercianti della zona”, dice Bianco che ha promesso anche l’autorizzazione per sistemare gratuitamente sullo spazio pubblico delle rastrelliere per tutti gli esercenti che ne faranno richiesta oltre alla possibilità di sistemare punti di ricarica per auto elettriche proprio davanti ai propri locali.

“È uno dei Lungomare più belli d’Europa ed è davvero un peccato che venga utilizzato per passeggiare soltanto con l’automobile. Abbiamo fatto questa splendida esperienza del Lungomare liberato per una domenica al mese e qualche volta anche di più, oggi passiamo a un progetto concreto e già prepariamo il collegamento con Acicastello perché vogliamo offrire anche ai turisti la possibilità di una passeggiata in bicicletta in questa straordinaria litoranea che sarà presto dotata anche di una pista running che ci sarà donata dalla Federazione nazionale Atletica leggera. Il Comune, poi, realizzerà lavori di manutenzione straordinaria per far tornare a vivere pienamente questo Lungomare così bello”, conclude il sindaco Bianco.

“Era ora! Ci auguriamo che questa volta, alle belle parole, corrispondano anche i fatti”, scrivono sulla pagina Fb del Lungomare liberato i promotori della zona pedonale.

Articolo pubblicato il 10 febbraio 2016 - © RIPRODUZIONE RISERVATA


comments powered by Disqus