Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia è su Twitterrss qds
Quotidiano di Sicilia
Il QdS sul tuo smartphone
Scegli la tua app

Palermo - Novità nella Giunta Orlando per il rush di fine legislatura
di Redazione

Sergio Marino e Gianfranco Rizzo prendono il posto di Cesare Lapiana e Francesco Maria Raimondo

Tags: Palermo, Leoluca Orlando



PALERMO - Terzo cambio nella Giunta comunale guidata dal sindaco Leoluca Orlando. Lasciano Cesare Lapiana (con delega ad Ambiente e Sport) e Francesco Maria Raimondo (Cura del verde e Diritti degli animali). Al loro posto entrano l’attuale presidente della Rap Sergio Marino, che lascia la guida dalla società che gestisce il servizio di raccolta dei rifiuti in città e il docente di Fisica tecnica ambientale nella facoltà di Ingegneria di Palermo, Gianfranco Rizzo.

Ad annunciarlo è stato lo stesso primo cittadino durante la conferenza stampa convocata a Palazzo delle Aquile con la Giunta comunale e il presidente del Consiglio comunale Totò Orlando. Marino si occuperà di Ambiente, Verde e Diritti degli animali; Rizzo, invece, avrà la delega all'Innovazione, Comunicazione, Energia, Fondi europei e Sport.

L’ex vice sindaco Cesare Lapiana in giunta da maggio 2012, quando Orlando vinse le amministrative al ballottaggio con quasi il 70% delle preferenze contro Fabrizio Ferrandelli (Pd) ha lasciato dopo quasi quattro anni, mentre il botanico Francesco Maria Raimondo ha fatto ingresso nella Giunta comunale nel maggio del 2014. Entrambi hanno scelto di rimettere le rispettive deleghe.
I nuovi assessori si occuperanno anche delle aziende partecipate del Comune: Marino avrà competenza anche su Reset, Rap e Palermo Ambiente; Rizzo, invece, di Sispi e Amg Energia. Da attuale presidente della Rap, Marino, ha comunque annunciato le proprie dimissioni. A guidare la partecipata sarà l'architetto Roberto Dolce.

“Dietro le mie scelte – ha detto Marino - finora c'è sempre stato il sindaco, ma anche l'assessore all'Ambiente, che ringrazio pubblicamente. La delega che mi è stata concessa mi consentirà di seguire quanto fatto finora”.

“Entro in punta di piedi in questo consesso – ha commentato invece Rizzo - e accetto questo incarico in un il clima di Giunta che lascia ben sperare. Lavoriamo sulle spalle di chi ci ha preceduto e anche se un anno e mezzo non è tanto si può fare molto. Rifuggo dalla politica degli annunci e non faccio promesse tranne una sola: la mia promessa è lavorare”.

Articolo pubblicato il 16 febbraio 2016 - © RIPRODUZIONE RISERVATA


comments powered by Disqus