Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia � su Twitterrss qds

Quotidiano di Sicilia

La cultura invade le strade di Palermo
di Redazione

Presentate le numerose iniziative in programma nel capoluogo in occasione della Giornata mondiale Unesco del libro. Coinvolti 65 partner tra enti pubblici, privati, religiosi, istituzioni scolastiche e associazioni

Tags: Palermo, Cultura



PALERMO - Caffè letterari en plein air, incontri con gli autori, letture ad alta voce, attività culturali rivolte alla promozione dei libri e della lettura. “La via dei Librai - La giornata mondiale Unesco del libro e del diritto d’autore al Cassaro” è la manifestazione che si svolgerà sabato 23 aprile, dalle 9 alle 21, lungo il corso Vittorio Emanuele, nel tratto compreso tra Porta Nuova e piazza Vigliena, per l’occasione chiudo al traffico.

La manifestazione, patrocinata dal Comune e dall’assessorato comunale alla Cultura, è stata presentata a Palazzo delle Aquile dal sindaco Leoluca Orlando, dalla presidente di Confcommercio Palermo Patrizia Di Dio, dal presidente dell’Associazione Cassaro Alto Domenico Bottiglieri, da Chiara Modica Donà Dalle Rose, presidente Wish (World international sicilian heritage), da Giulio Pirrotta dell’Associazione Ars Nova, da Giuseppe Scuderi, coordinatore del Progetto diocesano “Albergheria e Capo” insieme, e da Nicola Macaone, portavoce di “Editori allo scoperto”. Tra i presenti anche il presidente della Commissione Attività produttive del Comune Paolo Caracausi, Roberto Alajmo, direttore del Teatro Biondo, ed Eliana Calandra, dirigente del Servizio Sistema bibliotecario e Archivio cittadino. Sia il Teatro Biondo che la Biblioteca comunale e l’Archivio storico parteciperanno con varie attività alla giornata.

Si tratta di un progetto di rete che è stato accolto dal Comune di Palermo nell’ambito dell’avviso “Arriva la Primavera”, promosso dall’Associazione Cassaro Alto, che aderisce a Confcommercio Palermo, in collaborazione con l’associazione Ars Nova, con il Progetto diocesano “Albegheria e Capo” e con l’ente non governativo World international sicilian heritage: 65 partner, tra enti pubblici, privati, religiosi, istituzioni scolastiche, associazioni, organizzazioni no-profit e operatori economici, il cui obiettivo è valorizzare il turismo culturale, intendendolo non solo come una semplice visita dei siti architettonici e monumentali, ma anche quale conoscenza, valorizzazione e fruizione delle attività legate alle tradizioni della città.

Una manifestazione che vuol essere una festa, un “elogio” del libro e la celebrazione del diritto d’autore in tutte le sue forme e accezioni. Tutti gli operatori del territorio animeranno il Cassaro Alto, l’arcaica strada della città, con eventi culturali, mostre, dibattiti, presentazioni e proposizioni di opere editoriali, caffè letterari, laboratori per bambini. Sulla sede stradale i partecipanti presenteranno le loro attività, gli editori e i librai promuoveranno la conoscenza del libro, in particolare dei testi dedicati proprio alla città storica, gli esercenti della ristorazione per quel giorno trasformeranno i loro spazi e quelli concessi in “caffè letterari”, messi a disposizione per gli “incontri” con gli autori, le “letture ad alta voce” e altro ancora.

“Abbiamo bisogno - ha affermato il sindaco Leoluca Orlando - non soltanto che i libri si comprino, ma che si leggano. Un libro è un bene culturale e non solo un regalo. La straordinaria rinascita del Cassaro Alto si conferma frutto e allo stesso tempo foriera del legame fra economia e cultura. Una strada che è nel cuore della città e che sta riscoprendo la propria vocazione, sostenuta dal riconoscimento Unesco e dal processo di pedonalizzazione, sempre più e sempre meglio accolto dai commercianti e dai residenti come strumento di vivibilità e sviluppo. È un’iniziativa che vuole collegare il percorso arabo normanno alla Giornata Unisco del libro, due realtà che si uniscono”.

La “Giornata mondiale Unesco del libro” è dal 1996 un appuntamento fondamentale nel calendario delle manifestazioni culturali: da quell’anno la Conferenza generale dell’Unesco ha indetto la “Giornata” (28 C/Resolution 3.18 del 15 novembre 1995).

Articolo pubblicato il 07 aprile 2016 - © RIPRODUZIONE RISERVATA


comments powered by Disqus