Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia � su Twitterrss qds

Quotidiano di Sicilia

Palermo - Dall'AnciSicilia nuovo appello ad Alfano
di Gaspare Ingargiola

L’Ufficio di presidenza dell’Associazione dei Comuni siciliani ha chiesto un incontro con il ministro Alfano. “Indispensabile evitare ulteriori condizioni di implosione del sistema sociale”

Tags: Palermo, Angelino Alfano, Ancisicilia, Leoluca Orlando



PALERMO – Ennesimo grido d’allarme da parte dell’Associazione dei Comuni siciliani - presieduta dal sindaco del capoluogo, Leoluca Orlando - accompagnato questa volta da una richiesta dell’Ufficio di presidenza per un incontro con il ministro dell’Interno, Angelino Alfano. La riunione svoltasi ieri a Villa Niscemi, ha voluto “sollecitare un intervento urgente, con ogni strumento necessario, al fine di evitare che la situazione di emergenza finanziaria e istituzionale della Sicilia possa determinare ulteriori condizioni di implosione del sistema sociale che, purtroppo, si sono già verificati e rischiano di verificarsi ancora e sempre a carico degli amministratori comunali”.

“Le urgenze finanziarie – ha sottolineato l’Ufficio di presidenza di AnciSicilia - sono state rese insostenibili dai ritardi nell’erogazione delle risorse previste per i Comuni e dalla reiterata inattività da parte della Regione, che si giustifica rivendicando risorse nazionali. A questo si deve aggiungere la drammatica situazione dei precari, dei quali sembra che nessuno intenda occuparsi nonostante le soluzioni a costo zero presentate dall’AnciSicilia, d’intesa con tutte le rappresentanze dei lavoratori, attraverso la conferma delle risorse regionali in progressiva riduzione per effetto del turn over nei Comuni”.

“Tale condizione complessiva del sistema  - hanno aggiunto i vertici dell’Associazione – che ha reso e tuttora rende impossibile la stessa compilazione dei bilanci entro e oltre il termine fissato per disposizione nazionale, ha spinto l’AnciSicilia, seguita da altre realtà regionali e dalla stessa Anci nazionale, a chiedere un rinvio del termine in atto previsto. In queste condizioni e affinché ciascuno si assuma le proprie responsabilità per quello che è accaduto e che rischia ancora di accadere, tenuto conto anche dell’emergenza rifiuti e del caos per gli enti intermedi,  viene oggi richiesta una convocazione urgente - alla presenza del governo regionale- dell’ Ancisicilia da parte del ministro dell’Interno. L’Ancisicilia ritiene doveroso lanciare questo appello affinché domani nessuno si stupisca delle conseguenze e della gravità delle situazione che si è venuta a determinare e che continua a far pagare i costi maggiori ai cittadini e agli amministratori locali”.

“La pesantezza della situazione delle amministrazioni locali  - ha concluso l’Ufficio di presidenza AnciSicilia - non consente ulteriori temporeggiamenti e determina una condizione di elevato rischio di isolamento anche per quegli amministratori già fortemente esposti sui diversi versanti della legalità. Ancora una volta scegliamo un approccio istituzionale al fine di prevenire singole iniziative clamorose che ci troveremmo a dover sostenere”.

Articolo pubblicato il 20 maggio 2016 - © RIPRODUZIONE RISERVATA


comments powered by Disqus