Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia Ŕ su Twitterrss qds
Quotidiano di Sicilia
Il QdS sul tuo smartphone
Scegli la tua app

Distretti turistici mangiasoldi, inutili al turismo
di Stefania Zaccaria

Sono 24, nati nel 2010 sulla base della L.r. 10/2005, tra sprechi e piani di sviluppo con spese esorbitanti. Poca trasparenza sul web e incrementi turistici inesistenti. Regione tace sull’argomento

Tags: Turismo, Sicilia, Distretto Turistico



PALERMO – La Sicilia è una terra dalle grandi risorse e dalle grandi bellezze. Paesaggi mozzafiato, architetture inestimabili, beni artistici di grande importanza contribuiscono a renderla una delle mete preferite dai turisti italiani ma anche e soprattutto di quelli stranieri. È proprio sul turismo, infatti, che l’Isola deve puntare. I cittadini lo hanno ormai capito e nelle principali città ci si è già organizzati al meglio per rendere più appetibili i centri storici, per le visite destagionalizzate, per offrire eventi e appuntamenti durante tutto l’anno. E la Regione, invece, investe nel turismo? Non è ancora ben chiara la strategia messa a punto negli ultimi anni su tale fronte anche perché la ‘migliore’ conquista sembrano i 24 distretti turistici e questo è tutto dire, considerato che i risultati, in termini di aumento dei pernottamenti, non si sono visti.
 
(Per leggere l'inchiesta completa abbonati qui o acquista il giornale in edicola)

Articolo pubblicato il 08 giugno 2016 - © RIPRODUZIONE RISERVATA


comments powered by Disqus

´╗┐