Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia Ŕ su Twitterrss qds
Quotidiano di Sicilia
Il QdS sul tuo smartphone
Scegli la tua app

Laboriusa, grazie al crowdfunding 6 parrucche per le donne in chemio
di Redazione

Un altro prezioso successo per la piattaforma siciliana che raccoglie i fondi “dal basso”. Oltre venti donatori hanno scelto di sostenere l’associazione Medicare Onlus

Tags: Medicare Onlus, Laboriusa



CATANIA - Un altro prezioso traguardo segna il percorso di crescita di Laboriusa, la piattaforma siciliana di crowdfunding per la raccolta fondi “dal basso” destinati al mondo no profit. L’obiettivo di mille euro è stato raggiunto grazie al supporto della #gentelaboriusa, che ha creduto e sostenuto la campagna “MedicHair: la bellezza, oltre la malattia” promossa da Medicare onlus (Mediterranean cancer support rehabilitation), l’associazione catanese presieduta da Pietro Giuffrida (medico di medicina generale, farmacologo e tossicologo) e impegnata in ambito sociale a supporto materiale, psicologico e familiare del paziente oncologico.
Con il contributo di oltre venti donatori – utenti e aziende del territorio catanese – i soci dell’associazione Medicare hanno acquistato le sei parrucche (il cui prezzo in Italia oscilla tra i 400 e i 2.000 euro) che metteranno a disposizione gratuitamente delle donne associate che stanno affrontando il trattamento chemioterapico. Un supporto per tutte quelle pazienti che affrontano un percorso così vulnerabile e traumatico, offerto con l’obiettivo di nascondere i segni della terapia e soprattutto valorizzare l’aspetto fisico segnato dalla malattia.  “Nessuna donna, infatti, deve rinunciare alla propria femminilità e autostima nella lotta contro il cancro”: questo il messaggio che ha accompagnato l’intera campagna di crowdfunding su www.laboriusa.it.

“I progressi delle terapie contro il cancro - affermano i volontari dell’associazione - hanno aumentato le percentuali di sopravvivenza, ma l’impatto della malattia e dei trattamenti, chirurgici, radioterapici e farmacologici, sulla qualità di vita della donna è ancora forte. Sappiamo benissimo che per una donna la perdita dei capelli, causata dai trattamenti antitumorali, è traumatica quasi quanto aver ricevuto la notizia della stessa malattia ed è per questo che riteniamo sia importante per la paziente difendere la propria bellezza”.
Le parrucche saranno offerte in uso alle pazienti che faranno richiesta di iscrizione direttamente all’associazione “Medicare onlus” di Catania attraverso un contatto telefonico (3477064563) o a mezzo mail (info@medicareonlus.com).

Un passo significativo che testimonia ancora una volta la sensibilità e la volontà delle persone a partecipare in modo innovativo, attraverso piccoli gesti solidali, a progetti dalla forte utilità sociale che la piattaforma crowdfunding Laboriusa accoglie da più di un anno e realizza con concretezza.

Articolo pubblicato il 28 luglio 2016 - © RIPRODUZIONE RISERVATA


comments powered by Disqus
I volontari dell'associazione Medicare onlus con il consulente tecnico del Centro Winner di Catania Orazio Modica Ragusa
I volontari dell'associazione Medicare onlus con il consulente tecnico del Centro Winner di Catania Orazio Modica Ragusa


´╗┐