Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia  su Twitterrss qds
Quotidiano di Sicilia
Il QdS sul tuo smartphone
Scegli la tua app

32 milioni di euro per il riequilibrio in Sanità
di Lucia Russo

Le 17 Aziende dovranno mettere a disposizione tutti i dati di gestione per evitare che si produca il deficit del passato. Firmata un’intesa tra l’assessore Russo e il viceministro Fazio in attuazione dell’art. 79 L. 133/08

Tags: Sanità, Massimo Russo, Ferruccio Fazio



PALERMO - Equilibrio economico nel settore sanitario. Per agevolare il raggiungimento di questo obiettivo è stato sottoscritto un Protocollo d’Intesa a Roma tra il viceministro alla Salute Ferruccio Fazio e l’assessore alla Sanità Regione Sicilia, Massimo Russo. Esso rientra nell’Accordo di programma in attuazione dell’art.79 ‘’Programmazione delle risorse per la spesa sanitaria’’ del D.L. 112/08, convertito con legge 133/08. La Sicilia è la prima regione d’Italia a dar luogo all’attuazione di questo accordo con la firma del protocollo. Si renderanno in tal modo disponibili dati economici, gestionali e produttivi delle strutture sanitarie operanti a livello locale per consentire un miglior governo delle azioni che garantiscano il rientro dal disavanzo regionale e il monitoraggio dei Livelli Essenziali di Assistenza.
 
In questo modo sarà possibile supportare la Regione nelle attività di pianificazione e di valutazione, nonchè fornire alle Strutture sanitarie locali informazioni comparative utili per avviare momenti di riflessione sulla ricerca di modalità di impiego efficiente ed efficace delle risorse. Si stimolerà a livello locale un’attività di benchmarking sistematico, ovvero “un processo continuo di misurazione di prodotti, servizi e prassi aziendali mediante il confronto con i concorrenti più forti”.
Grande soddisfazione è stata espressa dall’assessore alla Sanità, Massimo Russo:” È un’altra tappa importantissima del cammino di innovazione e trasparenza che la Sicilia sta percorrendo ormai da un anno e mezzo”.
 “Metteremo in piedi - aggiunge Russo - uno strumento di controllo gestionale estremamente moderno ed efficiente che permetterà alla Sicilia, prima regione in Italia, di assicurare il pieno e tempestivo controllo di tutti i dati di gestione delle aziende del sistema sanitario. Saremo in grado, quindi, di certificare la qualità delle nostre procedure contabili e amministrative. In poche parole, potremo verificare ed interpretare in tempo reale tutto ciò che accade nelle 17 aziende e attraverso la piena conoscenza di tutti i flussi informativi, potremo garantire la massima qualità nel governo della Sanità ed evitare che possano verificarsi gli sprechi e le inefficienze del passato che hanno prodotto un deficit spaventoso”. “Ringrazio il vice ministro alla Salute Ferruccio Fazio - conclude Russo - che ancora una volta ha ribadito, con i fatti, la propria fiducia nel nostro operato politico-amministrativo il quale ha sempre dato ampie dimostrazioni di credibilità e trasparenza gestionale”.

L’assessorato assicura che nel giro di pochi mesi gli uffici definiranno il bando per mettere a gara tale servizio. L’ importo complessivo dell’intervento stabilito dall’accordo è di 37.220.205,00 euro, di cui 31.084.194,75 euro a carico dello Stato, a valere sui finanziamenti assegnati alla Regione Siciliana dal programma straordinario di investimenti in sanità, art. 20, legge n. 67/1988.

Articolo pubblicato il 28 novembre 2009 - © RIPRODUZIONE RISERVATA


comments powered by Disqus