Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia Ŕ su Twittergoogle qds rss qds
Quotidiano di Sicilia
Il QdS sul tuo smartphone
Scegli la tua app

Rosario Crocetta, abracadabra sui rifiuti
di Rosario Battiato

Dopo quasi 4 anni dall’insediamento il presidente della Regione annuncia il bando per la gara degli impianti energetici. Di nuovo emergenza se entro il 2018 non entra a regime un termovalorizzatore

Tags: Rosario Crocetta, Rifiuti, Sicilia



PALERMO – Nei giorni scorsi è saltato uno degli obiettivi principali del settore rifiuti. All’Ars l’esame del ddl di riordino è stato rinviato a settembre. Ancora in ghiaccio, pertanto, il provvedimento approvato dalla giunta a luglio sull’onda dell’Intesa col ministero di fine maggio e considerato un passaggio decisivo per rimettere ordine al sistema in materia di appalti, avvio delle Srr e chiusura del capitolo Ato.
La buona notizia è che almeno qualcosa si muove sul fronte degli impianti di valorizzazione del rifiuto. Crocetta ha promesso la gara già per il prossimo autunno, in linea con la tempistica dell’ordinanza del 7 giugno.
Un’azione obbligata, ma che giunge in estremo ritardo. Già da diversi anni, infatti, la Sicilia ha la necessità di avviare un sistema differente di smaltimento del rifiuto, operazione che adesso risulta in fase di avvio soltanto perché imposta dal governo nazionale già nel 2015.
 
(Per leggere l'inchiesta completa abbonati qui o acquista il giornale in edicola)

Articolo pubblicato il 13 agosto 2016 - © RIPRODUZIONE RISERVATA


comments powered by Disqus

´╗┐