Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia � su Twitterrss qds

Quotidiano di Sicilia

Firme false, Miceli (Pd) su M5S: "Accusati continuano a tacere"
di Valeria Arena

Il segretario provinciale di Palermo: “Se è una montatura, perché nessuna denuncia?”. Ma il Movimento pensa al referendum: al via il tour siciliano per il No

Tags: M5s, Carmelo Miceli, Elezioni



PALERMO - Non si placano gli animi attorno alla questione delle firme false, relative alle elezioni amministrazione 2012 di Palermo, che qualche giorno fa ha colpito il Movimento cinquestelle.
 
Il segretario provinciale del Partito democratico Carmelo Miceli è infatti tornato sulla questione attaccando duramente i grillini e la scelta di rimanere in silenzio sull’intera vicenda, commentata solo da Luigi Di Maio: “Passano i giorni ed è sempre più fitta la nebbia sull’inquietante vicenda delle presunte firme false del M5S per le elezioni amministrative di Palermo del 2012. Tutto tace. I protagonisti del fattaccio svelato dalle Iene - ha continuato - sono come smaterializzati e nulla è stato fatto dal Movimento per chiarire la vicenda.
 
Eppure l’onorevole Mannino, la Busalacchi o lo stesso Grillo, per tutelare la propria reputazione e quella del Movimento, ovvero per consentire di scoprire la verità, dovrebbero fare una cosa molto semplice: denunciare i presunti ‘diffamatori’”. “Ma ad oggi nessuna denuncia. Viene da chiedersi, dunque - ha concluso Miceli -, se quella delle Iene è una montatura, perché chi è stato accusato pubblicamente di aver falsificato delle firme non ha ancora denunciato chi ha l’ha tirato in ballo? Cos’è che frena la Mannino, Grillo e il Movimento Cinquestelle ad adire le vie legali”.
Sul versante referendum costituzionale, però, il Movimento guidato da Beppe Grillo ha deciso di non chiudere la bocca e di organizzare un tour, che partirà oggi da Leonforte (Enna), in giro per la Sicilia a sostegno del no.

“Adesso è il nostro tour-NO”, che si concluderà a Ragusa il 2 dicembre, parteciperanno 32 portavoce tra parlamentari all’Ars, deputati alla Camera, senatori ed europarlamentari; “Abbiamo pensato - ha affermato il capogruppo dei cinquestelle all’Ars Matteo Mangiacavallo - di fare qualcosa di originale. Stiamo infatti allestendo un pulmino coi colori del Movimento e la scritta ‘Iodicono’ da far girare per tutta la Sicilia durante tutti i venerdì e sabato fino alla data del referendum”.

“Raggiungiamo le piazze non solo per comiziare - ha continuato Mangiacavallo - ma per incontrare i cittadini per strada, per i negozi, durante i mercatini settimanali, parlare e ascoltare. Improvviseremo agorà e inviteremo le persone a ‘metterci la faccia’.
Questo il programma delle 9 settimane: Enna 7-8 Ottobre; Agrigento 14-15 Ottobre; Caltanissetta 21-22 Ottobre; Catania 28-29 Ottobre; Palermo 4-5 Novembre; Trapani 11-12 Novembre; Messina 18-19 Novembre; Siracusa 25-26 Novembre; Ragusa 1-2 Dicembre.

Articolo pubblicato il 07 ottobre 2016 - © RIPRODUZIONE RISERVATA


comments powered by Disqus