Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia Ŕ su Twitterrss qds
Quotidiano di Sicilia
Il QdS sul tuo smartphone
Scegli la tua app

Vania Contrafatto: "Impianti all'avanguardia per il trattamento dei rifiuti"
di Gaia Perniciaro

Forum con Vania Contrafatto, assessore regionale all’Energia e ai Servizi di Pubblica utilità

Tags: Vania Contrafatto



Assessore, Lei ha da poco avuto un confronto con il ministero dell’Ambiente, a che punto è l’iter per la definitiva approvazione del Piano Rifiuti?
“Il Ministero dell’Ambiente ha molto apprezzato il nostro lavoro. Abbiamo accolto ulteriori precisazioni e contiamo di approvare la nuova legge entro novembre”.

Quali sono le novità di questo aggiornamento del Piano rifiuti del 2012?
“Il Piano del 2012 ha terminato il suo iter nel 2015. Quello attuale segue i nuovi quantitativi medi di rifiuti prodotti in Sicilia e punta al 65% di raccolta differenziata che l’Europa ci chiede. Alcuni Comuni contano il 70 % di raccolta differenziata, ma le città metropolitane, come Catania, Messina e Palermo abbassano la media portando la Sicilia al 12 %. Nel corso dell’adeguamento dello scorso agosto abbiamo tentato di rendere il Piano rifiuti non più un piano statico, questo grazie a un cronoprogramma con fasi in cui al raggiungimento delle varie soglie di percentuale sia prevista l’impiantistica che deve coprire questo fabbisogno”.

E per la chiusura del ciclo di smaltimento rifiuti cosa avete in programma?
“Il vecchio Piano del 2012 prevedeva la trasformazione del 35% di rifiuto che rimaneva dopo la differenziata in materiale solido combustibile, che però ha una matrice ambientale troppo alta rispetto ai limiti europei. Da un limite di 30 dovremmo arrivare a un limite di 10, ma nel nuovo aggiornamento vogliamo abbassare questa matrice a 3,3 con la sostituzione degli impianti che trattano questo materiale in impianti di valorizzazione di nuova generazione. Siamo dell’idea che sia giusto incenerire solo la frazione secca e implementare altri generi di smaltimento”.

Per la costruzione di questi nuovi impianti di ultima generazione quali criteri avete stabilito?
“Per definire un impianto ecocompatibile ed efficiente andremo a considerare la matrice ambientale, la valutazione delle aree con vocazione idonea e il quantitativo di rifiuto prodotto in ogni ambito ottimale, poiché dal quantitativo di rifiuto complessivo possiamo capire qual è la frazione secca o qual è quella umida e quindi il tipo di trattamento necessario. Come subcriterio abbiamo deciso che per la zoonizzazione gli espropri saranno per pubblica utilità”.

A novembre la Sicilia potrà rientrare in una gestione ordinaria dei rifiuti?
“Applicare la legge in Sicilia è una questione molto lenta, perché sono tante le difficoltà, ma stiamo arrivando all’obiettivo. Da quando mi sono insediata comunque posso dire che sono già cambiate molte situazioni”.

Ci sono altri interventi per assicurare la migliore regolamentazione del sistema rifiuti?
“Pubblicheremo presto dei bandi per le compostiere di comunità poiché sappiamo che aiutano il Comune ad abbattere il conferimento in discarica del 35%. Per ottenere la compostiera basta un progetto e una dichiarazione di inizio attività. Una sola vasca può servire fino a 3.500 persone, non c’è limite al numero di compostiere da collocare in un comune e sono impianti che si possono facilmente collocare accanto ai centri comunali di raccolta. Difficilmente però una compostiera del genere può essere inserita in città metropolitane, poiché è adatta alle zone agricole”.

Ci può aggiornare sulle sanzioni dell’Unione europea riguardo alla bonifica delle discariche e agli interventi di depurazione?
“Il Piano di bonifica è necessario per ricevere i soldi dallo Stato e dall’Europa ed è già attivo. Abbiamo censito finalmente tutte le discariche siciliane esistite negli ultimi 50 anni, realtà prima quasi sconosciuta. Sono circa 500 di cui una parte già mineralizzate, perché non attive da più di 30 anni. Il Piano per il Distretto idrografico, depurativo e di approvvigionamento, doveva essere fatto nel 2014: adesso è stato approvato, lo stiamo aggiornando con i dati nuovi e abbiamo attivato la convenzione necessaria con l’Arpa, l’Agenzia regionale di protezione ambientale”.
 
Cosa sta facendo la Regione per promuovere le energie rinnovabili? In particolare le bioenergie?
“Riguardo alle energie rinnovabili, sto lavorando a stretto contatto con il dirigente generale del Dipartimento Energia, Domenico Armenio, per stabilire un cronoprogramma di attuazione per le linee di finanziamento destinate al settore. Mi riferisco a una cifra pari a 35 milioni di euro da investire e vorremmo valutare i progetti già esistenti. Molto dipende dal cosiddetto ‘Patto dei sindaci’, nato da un’iniziativa europea, che reputo purtroppo inefficiente rispetto a quanto si potrebbe realizzare”.

A che punto è l’iter per l’approvazione delle aree non idonee all’eolico?
“L’iter per l’approvazione delle aree idonee e non idonee all’eolico è concluso. Adesso si attende il decreto del presidente della Regione siciliana per dare una veste amministrativa all’individuazione delle aree”.

Quanto tempo ci vorrà per sottrarre potere alle discariche presenti nella Regione siciliana e implementare i nuovi impianti regionali con matrice ambientale meno dannosa per l’ambiente e per l’uomo?
“Un tempo la legge designava le discariche come luogo di smaltimento, ma la normativa ora è cambiata e la sua applicazione si sta mostrando una questione molto lenta. A volte si ha l’impressione che ci sia una sorta di cartello tra i gestori per cercare di sopravvivere al più lungo possibile, perché è risaputo che dal 2023 non potranno più esistere questo tipo di discariche”.
 
Ci aggiorna sulla spesa dei fondi Cipe 2012 per la depurazione?
“Degli 8 decreti di nomina commissariali per 80 interventi in 42 agglomerati, attendiamo l’ultimo che è già al vaglio del Csm. Il 19 ottobre dovrebbe esserci il plenum e quindi il decreto che potrà rendermi operativa per gli ultimi 16 interventi. Sull’applicazione dei 7 decreti precedenti stiamo lavorando. Il percorso è stato lungo, poiché quest’operazione straordinaria non prevede compenso per i commissari e non è dotata di una sua struttura perché è stata creata con la Legge Sblocca Italia e sia Regione che Comuni sono gli inadempienti commissariati, quindi per me inutilizzabili. Ho dovuto chiedere al ministero dell’Ambiente di mettermi a disposizione una struttura che è stata individuata in una società in house, Sogesid, con cui ho siglato una convenzione per le prestazioni di segreteria tecnica. Da aprile 2015, ovvero dalla data del primo decreto di nomina, ho acquisito i documenti dai Comuni e ho fatto approvare un paio di cronoprogrammi fatti da ‘step’ che rappresentano ogni intervento. È una gestione di 900 milioni di euro di fondi, di cui 600 anticipati alla Regione nel 2012 per altre operazioni e che verranno resi alla contabilità speciale come da cronoprogramma. Tranne che per gli interventi che gestirà il Comune di Catania, che rappresenta il 43esimo agglomerato, principalmente il mio impegno ha riguardato i comuni di Misterbianco, Carini, Marsala, Campobello di Mazara, Mazara del Vallo, Cefalù e Castelvetrano, e adesso Messina, Augusta, Patti e Palermo. Io sono realmente operativa dal mese di agosto perché prima, per legge, non potevo prendere impegni di spesa solo sulla competenza a casse vuote”.

Articolo pubblicato il 15 ottobre 2016 - © RIPRODUZIONE RISERVATA




Leggi tutti gli articoli sull'argomento
  • Vania Contrafatto: "Impianti all'avanguardia per il trattamento dei rifiuti" -
    Forum con Vania Contrafatto, assessore regionale all’Energia e ai Servizi di Pubblica utilità
    (15 ottobre 2016)
  • Curriculum Vania Contrafatto - (15 ottobre 2016)


comments powered by Disqus
Vania Contrafatto, assessore regionale all
Vania Contrafatto, assessore regionale all'Energia e ai Servizi di Pubblica utilità




´╗┐