Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia  su Twitterrss qds
Quotidiano di Sicilia
Il QdS sul tuo smartphone
Scegli la tua app

C'è lavoro 2.0, ma nessuno lo sa fare
di Michele Giuliano

Commissione europea: entro il 2020 diecimila posti nel digitale in Sicilia ma intanto la disoccupazione giovanile è al 56%. L’inutile Formazione non prepara user experience director, data analyst, sviluppatori

Tags: Lavoro, Sicilia



Nuovi spazi da sfruttare, nuove possibilità lavorative da esplorare nel mondo dell’informazione e del digitale. Eppure, l’Italia e la Sicilia non sembrano voler approfittare delle prospettive aperte dal mondo della tecnologia digitale. Secondo calcoli della Commissione Europea, entro il 2020 il settore del digitale vedrà vacanti quasi un milione di posti di lavoro, più del triplo rispetto ai 275 mila del 2012, con posizioni lavorative di assoluto rispetto anche dal punto di vista retributivo. Ma quali sono le professioni digitali più richieste dal mercato? Ci sono lo user experience director che gestisce l’esperienza-utente all’interno di spazi complessi (virtuali e fisici), il director of analytics e data analyst, gli esperti nella lettura e analisi dei dati o lo chief technology officer. Profili totalmente ignorati dalla Formazione professionale siciliana.
 
(Per leggere l'inchiesta completa abbonati qui o acquista il giornale in edicola)

Articolo pubblicato il 27 ottobre 2016 - © RIPRODUZIONE RISERVATA


comments powered by Disqus