Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia � su Twitterrss qds

Quotidiano di Sicilia

Almaviva, accordo raggiunto, niente trasferimenti
di Redazione

Ieri la firma al Mise tra le parti: 297 lavoratori passeranno a Exprivia

Tags: Palermo, Almaviva, Rende



PALERMO - I trasferimenti dei 398 dipendenti del call center Almaviva contact dalla sede di Palermo a quella di Rende sono stati scongiurati grazie all’accordo firmato dai sindacati al Mise, alla presenza della vice ministro allo Sviluppo economico, Teresa Bellanova.

L’intesa prevede il passaggio dei 297 su 395 lavoratori da Almaviva Contact a Exprivia su base volontaria. Entro il 14 novembre i lavoratori dovranno manifestare la propria disponibilità (presentando una candidatura) ed entro il 5 dicembre saranno assunti. I dipendenti saranno assunti con contratti a tempo indeterminato, inquadrati al terzo livello, senza scatti di anzianità, ma con le tutele previste dall'articolo 18 dello statuto dei lavoratori (in fase di contrattazione individuale, ndr).
 
Exprivia si impegna ad attribuire al personale selezionato, che dovesse attualmente risultare ad un livello superiore al terzo del contratto collettivo delle Telecomunicazioni un superminimo individuale non assorbibile, che verrà stabilito in relazione al numero dei lavoratori selezionati con l’attuale livello superiore al terzo entro il costo aziendale massimo complessivo di 120 mila euro annui (da suddividere tra i lavoratori ndr). Exprivia si impegna anche ad attribuire al personale selezionato un premio annuale una tantum da liquidarsi nel biennio successivo dell'anno di competenza e per la sola durata della commessa, per un massimo di 120 mila euro.

L’accordo prevede un gruppo di monitoraggio periodico, a livello nazionale, che dovrà riunirsi al Mise con cadenza quadrimestrale sullo stato di avanzamento della commessa Enel.

Articolo pubblicato il 09 novembre 2016 - © RIPRODUZIONE RISERVATA


comments powered by Disqus