Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia Ŕ su Twitterrss qds
Quotidiano di Sicilia
Il QdS sul tuo smartphone
Scegli la tua app

La Regione siciliana fa acqua da tutte le parti
di Rosario Battiato

In 20 anni la Sicilia ha ricevuto da Stato e Ue 2,2 mld €, di cui 1,3 mai spesi. E intanto sono pronti 185 mln € di sanzioni. Metà si disperde per le reti colabrodo, bloccati gli impianti di depurazione

Tags: Infrastruttura Idrica, Sicilia, Acqua, Depurazione, Vania Contrafatto



PALERMO - Il bilancio delle infrastrutture idriche isolane non è certo positivo. Gli impianti di depurazione e le condutture sono assediati dai livelli del servizio largamente al di sotto della media nazionale, da infrazioni europee e difficoltà nella spesa (2,2 miliardi stanziati negli ultimi due decenni e ancora 1,3 miliardi di interventi non avviati). Ci sono responsabilità condivise da intercettare – enti locali e Regione inadempienti sulla depurazione e gestori della rete che non hanno sempre fatto la loro parte –, ma per l'assessore Contrafatto la situazione attuale è fuori dallo stallo con 80 interventi per la depurazione ormai in itinere. Intanto nell'ultimo rapporto Ecosistema urbano 2016, pubblicato nei giorni scorsi da Legambiente, si legge che nel 2015 tra gli ultimi cinque comuni nazionali che non raggiungono l’80% della popolazione servita dagli impianti di depurazione ci sono Caltanissetta (78%) e Catania (56%).
 
(Per leggere l'inchiesta completa abbonati qui o acquista il giornale in edicola)

Articolo pubblicato il 16 novembre 2016 - © RIPRODUZIONE RISERVATA


comments powered by Disqus

´╗┐