Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia � su Twitterrss qds

Quotidiano di Sicilia

Mercato immobiliare in faticosa risalita
di Redazione

L’Ossevatorio Immobiliare Nomisma: al centro del cambiamento il settore residenziale, cresciuto del 23,3% in tre anni. Resta lentissima la ripresa nel Sud Italia, l’attività transattiva è ancora in ritardo nel rilancio 

Tags: Mercato Immobiliare, Economia



In un contesto “nuovamente incerto”, il mercato immobiliare italiano prosegue il suo percorso di “faticosa risalita”. Ad alimentare le ambizioni di rilancio è, in particolare, il ritorno di interesse della domanda per l’investimento immobiliare diretto che, nonostante la precarietà delle prospettive e le fragilità reddituali, nel nostro Paese rimane un pilastro dell’allocazione familiare. Il 2016 si chiuderà con un incremento dell’attività transattiva comunque a due cifre, stimabile su base annua nell’ordine del 12,3%.
 
A guidare il cambiamento è in particolare il settore residenziale che in tre anni è cresciuto del 23,3%, mentre per l’insieme degli immobili di impresa, l’aumento è stato più contenuto e nell’ordine del 13%. è quanto emerge dall’analisi del terzo Osservatorio Immobiliare 2016 di Nomisma.

Il legame che si è stabilito nell’ultimo decennio tra scelte bancarie e mercato immobiliare “appare di gran lunga più stretto di quanto si sarebbe portati a pensare, limitandosi ad osservare l’incidenza dello stock di debito delle famiglie italiane sul Pil”. Tale relazione, che nell`ultimo biennio è stata fattore propulsivo della ripresa, “espone inevitabilmente il settore alle fluttuazioni tipiche dei contesti più finanziarizzati, riducendone di fatto il potenziale anticiclico. Si tratta di un fenomeno che nel nostro Paese rischia di essere ancora più marcato che altrove, in ragione della precarietà della prospettiva economica generale, oltre che dell’esposizione del sistema bancario in fatto di crediti deteriorati”.

L’ammontare delle sofferenze, associato alla limitata efficacia delle iniziative messe in campo per smaltirle, “non consente, infatti, di ipotizzare ulteriori eccessi proattivi, i cui effetti rischierebbero di rivelarsi disastrosi”. L`incidenza delle compravendite finanziate sul totale passa dal 44% del 2016 al 59,8% attuale.

Al rilancio dell’attività transattiva non ha fatto eco un’inversione di tendenza dei prezzi, che hanno proseguito la loro dinamica recessiva, seppure con un`intensità progressivamente decrescente. Su base semestrale l’ultima variazione dei prezzi è contenuta in un range minimo che va da -1,1% a -0,6%, confermando per il terzo anno consecutivo la progressiva riduzione dell’intensità del calo dei valori immobiliari. I valori di locazione hanno fatto registrare negli ultimi sette anni variazioni più contenute rispetto a quelle relative ai prezzi e ciò è avvenuto anche nell’ultimo semestre dell`anno, con canoni di locazione diminuiti su base annua in un range compreso tra il -1,6% dei negozi e il -0,8% delle abitazioni.

Un altro indicatore di mercato degno di attenzione è rappresentato dal rendimento lordo annuo da locazione. In media, negli ultimi tre anni i ritorni di un investimento nel settore immobiliare si sono attestati nell’ordine del 5% per le abitazioni e gli uffici e del 7% per i negozi.

I tempi di assorbimento degli immobili offerti sul mercato e lo sconto sui prezzi richiesti sono tra gli indicatori che più tempestivamente rappresentano le tendenze in atto sui diversi segmenti del mercato. Da alcuni semestri si assiste a una riduzione contenuta, ma costante, di tempi e sconti che descrive una migliorata condizione di liquidità degli immobili, che, a sua volta, si traduce in un aumento delle compravendite.

A livello territoriale, sono i mercati metropolitani del Centro-Nord (Bologna, Firenze e Milano e a seguire Venezia) ad avere una posizione di vantaggio sulla via del rilancio, mentre tra quelli che manifestano tuttora un ritardo si segnalano i mercati del Sud, Roma, Padova e soprattutto Genova.

Le ricadute di tale scenario, “se in termini di attività transattiva non impediscono il mantenimento di un’intonazione tuttora positiva, dal punto di vista dei prezzi inducono a delineare per i prossimi anni un quadro di sostanziale stagnazione, a cui solo poche avanguardie territoriali paiono nelle condizioni di fare eccezione”.

Articolo pubblicato il 24 novembre 2016 - © RIPRODUZIONE RISERVATA


comments powered by Disqus