Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia � su Twitterrss qds

Quotidiano di Sicilia

Depurazione in Sicilia, l'Ue stringe il nodo
di Rosario Battiato

A pagare sarà la Regione: nel mirino 51 agglomerati su 80 nonostante oltre 1 mld € di fondi Cipe mai spesi. Italia va condannata con 63 mln € subito e 347 mila € per ogni giorno di ritardo

Tags: Depurazione, Sicilia, Unione Europea, Sanzioni



PALERMO – L'Ue ha richiamato Roma sulla depurazione, ma le conseguenze sono arrivate fino in Sicilia. Tra gli agglomerati oggetto dell'ultimo deferimento, che potrebbe portare a sanzioni milionarie, si rintraccia una quota isolana pari al 60% del totale. Ritardi clamorosi che di fatto confermano una situazione di stallo che ormai procede dal 2012, anno della prima sentenza della Corte di Giustizia Ue sul tema del trattamento delle acque reflue. A distanza di quattro anni, e dopo un sontuoso stanziamento da oltre 1 miliardo, la marcia per rinnovare o costruire gli impianti dei comuni siciliani è ancora agli inizi, mentre l'iter per le sanzioni sembra procedere senza ostacoli. Sulla Sicilia, inoltre, incombono altre due procedure di infrazione sul tema, quindi due fronti aperti da cui potrebbero giungere nuove sanzioni.
 
(Per leggere l'inchiesta completa abbonati qui o acquista il giornale in edicola)

Articolo pubblicato il 16 dicembre 2016 - © RIPRODUZIONE RISERVATA


comments powered by Disqus