Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia Ŕ su Twitterrss qds
Quotidiano di Sicilia
Il QdS sul tuo smartphone
Scegli la tua app

Per gli Sportelli multifunzionali spunta un progetto biennale
di Michele Giuliano

Il governo regionale parla di occupazione per gli ex sportellisti: investimento da 125 milioni di euro. Attivate misure previste dall’articolo 13 della L.r. 8/2016: ma la politica è scettica

Tags: Lavoro, Sportello Multifunzionale, Sicilia, Ars, Rosario Crocetta, Ex Sportellisti



PALERMO - Novità per gli operatori della formazione professionale che lavoravano all’interno degli ex Sportelli multifunzionali. Novità positive, stando a quanto ha sostenuto il Presidente della Regione Siciliana, Rosario Crocetta: “Al fine di evitare la diffusione di notizie totalmente infondate, voglio rassicurare i lavoratori che il governo sta predisponendo un progetto per l’occupazione biennale di tutti i lavoratori degli ex sportelli multifunzionali”.

Una boccata d’ossigeno per i tanti lavoratori rimasti a casa ormai da troppo tempo: la giunta ha approvato un progetto di 85 milioni di euro a valere sul Fondo sociale europeo, per l’occupazione di tutti gli ex sportellisti siciliani per un periodo di 18 mesi. “Tale progetto - aggiunge Crocetta - permette di avviare al lavoro tutti e consente di intraprendere con serenità un confronto con i lavoratori e con le rappresentanze sindacali, per trovare una soluzione definitiva. Abbiamo onorato gli impegni - conclude il governatore - che insieme all’assessore al Lavoro Gianluca Miccichè avevamo assunto con i lavoratori”.

Pare che questo piano si articolerà in due tranche
. La prima partirà immediatamente con un impegno di spesa di 35 milioni, che copriranno 6 mesi di lavoro; la seconda partirà allo scadere del primo progetto per ulteriori 18 mesi di durata, con relativo impegno spesa. Le somme non sono iscritte nel bilancio di previsione, poiché si tratta per i 35 milioni, di somme residue già disponibili che verranno impegnate entro il 31 dicembre e, per i restanti di cifre del Fondo sociale europeo che non richiedono iscrizione in bilancio ma un semplice atto di giunta.

Belle parole, che però non sembrano essere state accompagnate dai fatti. “Dal governo le solite promesse ma alla fine – rilancia invece il vicecapogruppo all’Ars di Forza Italia, Vincenzo Figuccia - se ne infischia dei precari, di chi soffre e dei disoccupati che esso stesso ha creato”.
 
Dello stesso tenore le dichiarazioni del deputato regionale Marcello Greco: “Profondamente rammaricato – dice Greco - vi comunico che il Presidente Crocetta e la sua Giunta di Governo ancora una volta non hanno accettato le proposte fatte dal sottoscritto e dai gruppi parlamentari Sicilia Futura e Psi in ordine alla vertenza sugli operatori degli ex Sportelli multifunzionali. Il Presidente Crocetta e il suo Governo perseverano nel dimostrare una totale insensibilità verso questa categoria di lavoratori, dirottando le risorse di cui sopra verso altri obiettivi. Non ci arrendiamo e continueremo in aula con determinazione a difendere il diritto al lavoro di questa categoria, che rispetto a tutte le altre sembra essere stata segnata per essere distrutta. Come da impegno già annunciato – conclude Greco - qualora non riuscissimo a risolvere la problematica con gli strumenti previsti dalle leggi e dal regolamento parlamentare, continuando ad oppormi, non sosterrò il bilancio di questo Governo”. Di tutt’altro tenore le dichiarazioni dell’altro parlamentare all’Ars, Totò Lentini: “Il progetto pensato e formulato dall’Assessorato al Lavoro, ed approvato dal Ministero può finalmente partire. La novità – prosegue il deputato all’Ars – sono i servizi che verranno offerti all’utenza: raccordo con imprese ed organizzazioni datoriali sulle opportunità di lavoro, rilascio di attestazioni, misure di politica attiva e per l’inclusione sociale, servizi per l’immigrazione ed i bacini di precariato e, soprattutto, anche servizi di valutazione e certificazione delle competenze”.

Articolo pubblicato il 31 dicembre 2016 - © RIPRODUZIONE RISERVATA


comments powered by Disqus

´╗┐