Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia � su Twitterrss qds

Quotidiano di Sicilia

Grandi opere, Sicilia tagliata fuori
di Rosario Battiato

Aumenta il gap di infrastrutture: Alta velocità Torino-Lione (8,3 mld), Brennero (8,8 mld), Terzo valico (6,2 mld). L’Isola sempre più isolata: niente Ponte e zero cantieri per la Tav light

Tags: Infrastrutture, Sicilia, Ponte Sullo Stretto



PALERMO – Per un’Italia sempre più connessa tramite una rete di trasporti efficiente e sostenibile, che si muove al suo interno e agevola gli spostamenti con gli altri Paesi europei, c'è una Sicilia sempre più destinata a restare ai margini di questo grande processo di integrazione.
Senza Ponte sullo Stretto e con un’alta velocità ancora soltanto promessa, i siciliani dovranno rassegnarsi a muoversi col trasporto aereo, rinunciando, per ovvie ragioni di tempo, al sostenibile trasporto su ferro. Intanto nel resto d'Italia si continuano a investire cifre miliardarie per progetti avveniristici e cantieri da record. La Sicilia, invece, resta a guardare come la più povera e abbandonata tra le sorelle d'Italia. Il futuro è scritto: si prospettano anni sempre più difficili per i siciliani e per le merci isolane.
 
(Per leggere l'inchiesta completa abbonati qui o acquista il giornale in edicola)

Articolo pubblicato il 03 gennaio 2017 - © RIPRODUZIONE RISERVATA


comments powered by Disqus