Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia � su Twitterrss qds

Quotidiano di Sicilia

Palermo - Riqualificazione e verde pubblico, partiti gli interventi di recupero
di Gaspare Ingargiola

Al via il Progetto 2017 del Comune che coinvolgerà circoscrizioni e quartieri del capoluogo. Il lungo elenco di lavori in programma vedrà impegnati 188 operai delle partecipate

Tags: Palermo, Verde Pubblico



PALERMO - Sono iniziati lunedì, con interventi nella seconda e nella settima Circoscrizione, i lavori previsti dal “Piano di Riqualificazione urbana circoscrizioni e dei quartieri - Progetto 2017”, predisposto dal Comune di Palermo, che coinvolge l’area Verde, il settore Ville e Giardini, la Polizia municipale, il Coime e tutte le partecipate.

Un piano di riqualificazione e decoro delle periferie che, nell’anno delle elezioni, servirà anche al sindaco Leoluca Orlando a dimostrare di aver rimesso a punto la macchina organizzativa comunale. Coinvolti 188 operai tra Reset (80), Rap (24), Amap (31), Amat (20), Amg (3), Area Verde (15), Polizia Municipale (8), Coime (7), oltre a 64 mezzi (14 Reset, 10 Rap, 19 Amap, 5 Amat, 2 Amg, 6 area Verde, 5 Polizia municipale, 3 Coime). Gli interventi nella Seconda e Settima Circoscrizione dovrebbero terminare oggi; nella Terza e Sesta Circoscrizione sono in programma dal 20 febbraio al 13 marzo; nella quarta e nella quinta dal 20 marzo al 10 aprile; nella prima e nell’ottava dal 17 aprile al primo maggio.

La Rap si occuperà dello spazzamento di strade e marciapiedi, del posizionamento o della sostituzione di cassonetti e cestini, del ritiro di ingombranti e sfabbricidi, della manutenzione di guardrail, marciapiedi e strade. L’Amat penserà alla manutenzione della segnaletica orizzontale e verticale, l’Amg Energia alla manutenzione e al ripristino degli impianti di illuminazione stradale, l’Amap alla pulizia delle caditoie.

La Reset provvederà alle operazioni di diserbo, alla cura del verde (sia spartitraffico che villette) e alle piccole manutenzioni mentre l’area Verde, sempre in collaborazione con Reset, si occuperà di potature e piantumazioni. Sarà compito del Coime, infine, la manutenzione delle fontane.

“Grazie alla sinergia fra aziende e area del Verde - ha detto Orlando -, dopo tantissimi interventi già fatti, si avvia una nuova campagna di interventi mirati e massicci in tutta la città, un nuovo intervento che chiederà la collaborazione dei cittadini per restituire decoro e pulizia ai tanti spazi pubblici che sono il nostro bene comune e che sono il metro su cui misuriamo la vivibilità di Palermo”.

Per quanto riguarda gli interventi in corso, in II circoscrizione sono interessate, fra le principali strade e piazze, corso dei Mille, via Messina Marine, via Sperone, via Laudicina, via Pecoraino, via Diaz, via Amedeo d’Aosta, via Cappello, via Pecori Giraldi, via Lincoln, la stazione centrale, via Emiro Giafar, il Foro Italico, via Tiro a Segno, viale dei Picciotti, lo Svincolo Forum, le spiagge a sud, via Messina Montagne e via Ciaculli; in VII via Giuseppe Lanza di Scalea, viale Margherita di Savoia, via Partanna Mondello, via dell’Olimpo, via Rosario Nicoletti, viale Regina Elena, piazza Mondello, viale delle Palme, viale Galatea, il lungomare Cristoforo Colombo, via Pallavicino, via Brondi, via dell’Arenella e la relativa spiaggia, la passerella della Tonnara Bordonaro, via Duca degli Abruzzi, la scuola “Falcone Borsellino”, il lungomare di Barcarello, un tratto di viale Regione Siciliana.

C’è però chi non si accontenta e ritiene che questi interventi siano solo “spot elettorali”. È il caso del capogruppo di Forza Italia in Consiglio comunale, Giulio Tantillo, che da tempo sollecita la presentazione del piano di pulizia e spazzamento da parte della Rap: “Il piano dello spazzamento appare come uno spot elettorale - ha detto -. Questa Amministrazione ha avuto cinque anni per poter presentare un Piano alla città come richiesto ripetutamente dal Consiglio comunale. Se i dati in nostro possesso sono esatti questo piano fallirà prima di essere applicato, basti pensare che il personale impegnato per tali attività è diminuito drasticamente per far spazio alla raccolta differenziata - ha aggiunto -. Sono aumentati i percorsi assegnati alle singole unità ed ecco perché sarà impossibile garantire una pulizia adeguata e rispettosa dall’ambiente. Chiederemo una convocazione urgente dei vertici della Rap e in quella sede presenteremo le nostre proposte per aumentare il personale, per cambiare il piano e per modificare il contratto di servizio”.

Per Tantillo “bisogna guardare alle vere necessità dei cittadini, basta con i provvedimenti tampone e raffazzonati, la città è sporca, i cumuli della spazzatura sono in ogni angolo e la pulizia rimane un miraggio”.

Articolo pubblicato il 27 gennaio 2017 - © RIPRODUZIONE RISERVATA


comments powered by Disqus