Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia Ŕ su Twitterrss qds
Quotidiano di Sicilia
Il QdS sul tuo smartphone
Scegli la tua app

Taglio sprechi: Comuni ciechi e sordi
di Rosario Battiato

Ignorati criteri di efficienza organizzativa e di migliore utilizzo del personale che produrrebbero risparmi per gli Enti. Sperperi per servizi, illuminazione, apparecchiature elettroniche, cancelleria

Tags: Enti Locali, Sicilia



PALERMO - La solita, disarmante - e spesso irritante - inefficienza, con qualche sporadico e isolato caso di eccellenza. Questa la fotografia dei Comuni siciliani in tema di efficientamento della spesa pubblica, con particolare riferimento alle risorse impegnate per servizi, illuminazione, apparecchiature elettroniche e cancelleria.
Una mancata organizzazione che produce un gap sempre più preoccupante tra i Comuni dell’Isola e quelli del Nord Italia, dove investimenti non certo eccessivi in comparti ben precisi hanno già prodotto un importante taglio delle spese (che possono di conseguenza essere dirottate su altri capitoli del bilancio).
Per gli Enti locali siciliani è arrivato il momento di cambiare passo per fornire ai cittadini servizi più efficienti e con costi ridotti.
 
(Per leggere l'inchiesta completa abbonati qui o acquista il giornale in edicola)

Articolo pubblicato il 28 gennaio 2017 - © RIPRODUZIONE RISERVATA


comments powered by Disqus

´╗┐