Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia � su Twitterrss qds

Quotidiano di Sicilia

In Sicilia l'inefficienza è Comune
di Eleonora Fichera

Trasferimenti bruciati e scarse entrate tributarie. Senza Piano aziendale l’autonomia finanziaria è una chimera. Pessima gestione delle risorse e qualità della vita sempre più deficitaria

Tags: Enti Locali, Sicilia



PALERMO - Sui Comuni siciliani continua ad aleggiare lo spettro della mala amministrazione. Nelle casse degli Enti isolani pesa la mancata capacità di riscuotere i tributi comunali in maniera efficiente. Flop su tutti i fronti: Imu, Tasi e addizionali Irpef non garantiscono entrate adeguate.
Di fronte a questa diffusa incapacità, diventano centrali i trasferimenti da parte della Regione (circa 800 mln di euro nel 2015), gli unici in grado di rimpolpare le casse degli Enti. Così facendo, però, si alimenta  il grado di dipendenza dei Comuni dalla Regione. Dipendenza che, nei fatti, non si traduce in politiche di sviluppo efficaci e lungimiranti.
Anche a causa dell’assenza dei Piani aziendali, i Comuni navigano a vista, offrendo ai cittadini servizi scadenti. Dati alla mano, sembra che in Sicilia si amministri male e si viva peggio.
 
(Per leggere l'inchiesta completa abbonati qui o acquista il giornale in edicola)

Articolo pubblicato il 16 febbraio 2017 - © RIPRODUZIONE RISERVATA


comments powered by Disqus