Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia Ŕ su Twittergoogle qds rss qds
Quotidiano di Sicilia
Il QdS sul tuo smartphone
Scegli la tua app
Dl banche, scudo pubblico fino a 20 mld di euro
di Redazione

Altre novità: tetto agli stipendi manager, no a black list dei debitori

Tags: Dl Banche



ROMA - Varato dal governo sull’onda del fallimento sul mercato dell’aumento di capitale per Mps, il decreto banche è stato approvato definitivamente dalla Camera con la fiducia (che era stata posta anche in prima lettura al Senato). Un testo che oltre a sancire la ‘ricapitalizzazione precauzionale’ pubblica del Monte dei Paschi mette sul piatto per fronteggiare le crisi bancarie 20 miliardi di euro nel 2017.

Una misura, l’intervento precauzionale, che potrebbe essere adottata anche per Vicenza e Veneto Banca come conferma oggi Fabrizio Viola, definendo “la probabilità dell’ingresso dello Stato elevata”.

Il decreto prevede poi la possibilità di concessione della garanzia dello Stato sulle passività delle banche aventi sede legale in Italia, garanzia che può essere concessa a favore di una banca con patrimonio netto positivo e che abbia però urgente bisogno di liquidità e a favore di una banca in risoluzione (come Banca Etruria, CariFerrara, Banca Marche, CariChieti) o di un ente-ponte (le good bank nate dalla risoluzione). La garanzia dello Stato è onerosa, incondizionata, irrevocabile e a prima richiesta e copre il capitale e gli interessi. La Banca è tenuta a presentare un piano di ristrutturazione per confermare la redditività e la capacità di raccolta a lungo termine sulle proprie gambe.

È rimasta fuori dal testo la black list sollecitata inizialmente dal presidente dell’Abi, Antonio Patuelli, che aveva trovato spazio in diversi emendamenti e che puntava a rendere pubblici i nomi dei grandi debitori insolventi degli istituti salvati dallo Stato. Governo e maggioranza hanno invece approvato una norma che prevede che il Mef faccia una relazione ogni 4 mesi alle Camere sugli interventi statali e sui “profili di rischio e sul merito di credito” dei soggetti classificati in sofferenza per un ammontare pari o superiore all’1% del patrimonio. Nulla di fatto sul balletto delle Popolari iniziato già durante la scorsa stabilità che mirava ad alzare la soglia di attivi oltre la quale scatta l’obbligo di trasformarsi in Spa: dopo le aperture della prima ora l’esecutivo ha deciso di soprassedere in attesa della sentenza della Consulta.

Tra le novità introdotte in Parlamento arriva un tetto allo stipendio dei membri del consiglio di amministrazione e dei manager in caso di messa in campo di soldi pubblici che si aggiunge alla previsione contenuta nel decreto originario della ‘revoca o sostituzione dei consiglieri esecutivi e del direttore generale’. Le due condizioni non saranno comunque obbligatorie ma solo una scelta da parte del Mef.

Per quanto riguarda le quattro banche (Banca Etruria, CariChieti, Cariferrara e Banca Marche) si riaprono i termini fino al 31 maggio per i risparmiatori che vogliano chiedere il rimborso forfettario e viene ampliata la platea di coloro che possono richiedere il rimborso forfettario per i titoli subordinati anche il convivente more uxorio e i parenti entro il secondo grado, oltre al coniuge ed i parenti di primo grado. La gestione delle istanze di rimborso dovrà essere gratuita per i risparmiatori. Nei rimborsi dei bond subordinati si tira inoltre una linea in chiave anti-speculazione il 1 gennaio 2016, data di entrata in vigore delle norme sul bail-in. Dopo si considera acquisita la piena conoscenza della rischiosità.

Nelle ricapitalizzazioni vengono determinti due livelli di sconto sul valore delle azioni: uno per gli obbligazionisti subordinati i cui titoli vengono convertiti in azioni e uno per il Tesoro. Gli sconti, uniti alla diluizione legata all’intervento pubblico, garantiscono la penalizzazione per gli azionisti esistenti. Sarà inoltre differente il sistema di calcolo del valore delle azioni a seconda che si tratti di banche quotate o non quotate: per le banche non quotate il valore delle azioni sarà calcolato sulla base del patrimonio, delle prospettive reddituali, del rapporto tra valori contabili e di mercato degli istituti quotati e dell’impatto delle operazioni di cessione di attivi; mentre per le banche quotate il valore delle azioni sarà fissato sulla base delle quotazioni dei trenta giorni precedenti all’emissione del decreto. Nel caso particolare in cui la banca sia quotata ma il titolo sia stato sospeso dalle contrattazioni per più di 15 giorni (come per Mps) il valore delle azioni sarà il minore tra i due.

Anche le BCC potranno trasformare le imposte differite derivanti da rettifiche su crediti deteriorati, operate fino alla fine del 2015, in crediti d’imposta. Modificati anche i termini per i versamenti del canone che le banche sono tenute a pagare per poter trasformare le Dta in crediti d’imposta.

Via libera infine alla ‘strategia nazionale per l’educazione finanziaria assicurativa e previdenziale’.
La norma prevede che il governo trasmetta al Parlamento entro sei mesi le linee guida della strategia che sarà coordinata da un Comitato che resterà in carica per tre anni.

Articolo pubblicato il 17 febbraio 2017 - © RIPRODUZIONE RISERVATA


comments powered by Disqus

´╗┐