Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia Ŕ su Twitterrss qds
Quotidiano di Sicilia
Il QdS sul tuo smartphone
Scegli la tua app

Catania - Misterbianco, in arrivo ancora rifiuti. Il sindaco Di Guardo: "Siamo all'inverosimile"
di Redazione

La Regione siciliana autorizza l’invio di 300 t al giorno da Bellolampo, il sindaco misterbianchese furioso

Tags: Misterbianco, Rifiuti, Nino Di Guardo, Rosario Crocetta



MISTERBIANCO - “Siamo all’inverosimile, il presidente della Regione siciliana, Rosario Crocetta, smentisce se stesso”. Lo afferma il sindaco di Misterbianco Nino Di Guardo sulla nuova ordinanza del governatore che autorizza lo scarico di 300 tonnellate al giorno dalla discarica di Bellolampo a quella di Valanghe d’Inverno a Motta Sant’Anastasia per evitare la saturazione della discarica palermitana.

“La mancanza di una politica seria - osserva Di Guardo - lo induce a contraddire se stesso. è venuto a Misterbianco promettendo la chiusura della discarica di Valanghe d’Inverno ed invece i rifiuti continuano a girare da una parte all’altra della Sicilia come una trottola, avendo altresì promesso pubblicamente di volerli portare all’estero”. Il sindaco di Misterbianco ricorda che “nonostante i rifiuti da conferire a Valanghe d’Inverno sono già trattati, perché Oikos non dispone del sistema di trito vagliatura, sono pur sempre di rifiuti ed in una quantità considerevole con un ennesimo aumento dei costi”.

“Misterbianco e Motta S. Anastasia che da trent’anni subiscono il dramma di questo disagio ambientale - continua Di Guardo - adesso pagano anche il prezzo di questa inconcludenza ed incapacità a gestire il sistema rifiuti. Per questo facciamo appello al ministro all’Ambiente che aveva promesso il suo interessamento ed assumeremo tutte le iniziative necessarie affinché venga posta la parola fine a questa vicenda”.

“Il presidente Crocetta - conclude il sindaco - ci lascerà il peggiore ricordo del suo fallimento nella gestione dei rifiuti in Sicilia”.
“Non c’è alcuna danza dei rifiuti in atto. Provvedimenti assunti, non da me, ma dal direttore del dipartimento Acqua e Rifiuti, sono in linea con le decisioni dei tribunali amministrativi e penali, ma anche un piano razionale di prolungamento della vita delle discariche. Sulla vicenda Oikos, voglio rassicurare il sindaco di Misterbianco che non abbiamo assolutamente cambiato idea: quella discarica va chiusa. Solo che il Tar ha emesso un’ordinanza che ci obbliga a far conferire a Valanghe d’Inverno e la Regione è costretta a ottemperare, in attesa della sentenza definitiva del Cga”. Lo dice in una nota il presidente della Regione siciliana, Rosario Crocetta.

“Al fine di ridurre l’impatto ambientale sul centro abitato di Misterbianco, abbiamo autorizzato soltanto il conferimento del secco. In merito poi ad alcuni spostamenti di conferimenti, sta da sé che dopo i provvedimenti giudiziari in capo a Cisma Ambiente, occorreva autorizzare i Comuni interessati a conferire in altre discariche. Rispetto al divieto di conferimento del secco su Bellolampo, la Rap ci dovrebbe ringraziare, poiché in questo modo implementiamo la vita della discarica”.

Articolo pubblicato il 23 marzo 2017 - © RIPRODUZIONE RISERVATA


comments powered by Disqus

´╗┐