Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia � su Twitterrss qds

Quotidiano di Sicilia

Estate 2017, Pm Italia: boom di affitti brevi (+35 per cento)
di Redazione

L’ospitalità extra-alberghiera guadagna punti tra gli italiani

Tags: Vacanza, Turismo



Milano – Sono sempre di più gli italiani che scelgono di trascorrere le vacanze in Italia, accordando la propria preferenza alla cosiddetta ospitalità extra-alberghiera. Il Centro Studi di Property Managers Italia (www.propertymanagersitalia.it), associazione di categoria che rappresenta gli imprenditori che operano con professionalità nel settore delle locazioni brevi e della ricettività extra-alberghiera, ha rilevato un +35% rispetto ai contratti chiusi lo scorso anno nello stesso periodo, e la stagione è solo all’inizi Il 45% dei viaggiatori, secondo i dati diffusi dall’associazione guidata da Stefano Bettanin, sceglie la formula dell’ospitalità residenziale per vivere un soggiorno all’insegna della libertà senza i vincoli di orari o i regolamenti che caratterizzano la ricettività tradizionale (alberghiera) e perché è convinto che con questa formula possa entrare più facilmente in contatto con le tradizioni eno-gastronomiche e culturali tipiche della meta prescelta; il 30% perché, valutando i costi ed i benefici, ritiene sia una scelta economicamente meno onerosa rispetto ad un soggiorno in hotel ed infine il 25% sceglie la vacanza in casa, villa o appartamento perché la valuta la scelta più smart e più consona dal punto di vista della gestione familiare.

È cambiato il modo di viaggiare – commenta Stefano Bettanin, presidente di PM Italia – e soprattutto è cambiato il modo di concepire le proprie ferie. È la possibilità di scegliere ogni giorno dove e cosa mangiare, con chi entrare in relazione e attraverso quale nuova esperienza arricchirsi a fare la differenza”. Destinazione top prescelta dai viaggiatori secondo PM Italia è la Sicilia, seguita dalla Puglia (in crescita vertiginosa) e dalla Sardegna. Ma vanno forte anche i Borghi dell’entroterra sparsi in tutta Italia, centri minori meta prediletta di chi sceglie un soggiorno relax per rigenerare corpo e mente lontano dalla folla, dal caldo e dal trambusto che spesso caratterizza molte località costiere e dove è più facile riscoprire l’autenticità. Una curiosità: isolati sì ma fino a un certo punto. Tra le caratteristiche necessarie che hanno spinto i viaggiatori a scegliere un soggiorno “meditativo” nell’entroterra la garanzia di una rete WiFi funzionante e gratuita, insieme alle tante innovazioni di domotica che caratterizzato le soluzioni abitative gestite dai property managers di PM Italia.

Articolo pubblicato il 28 giugno 2017 - © RIPRODUZIONE RISERVATA


comments powered by Disqus