Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia � su Twitterrss qds

Quotidiano di Sicilia

Palermo - Anello ferroviario, Tecnis promette "Dal 24 si riprende a pieno ritmo"
di Gaspare Ingargiola

Stando alle dichiarazioni dei sindacati, l’azienda avrebbe annunciato l’imminente sblocco dei cantieri. Rassicurazioni anche sulla riassunzione degli operai rimasti senza contratto a giugno

Tags: Palermo, Tecnis, Passante Ferroviario



PALERMO - Luci e ombre dall’ultima riunione in Prefettura, martedì, sull’anello ferroviario. Presenti i sindacati, l’assessore alla Rigenerazione urbanistica, Emilio Arcuri, e il capo area della Riqualificazione urbana e delle Infrastrutture, Mario Li Castri, il commissario straordinario della Tecnis Saverio Ruperto e i rappresentanti di Rfi.

Secondo quanto riportano i sindacati e il Comune, la Tecnis sarebbe pronta non solo a riassumere gli operai rimasti senza contratto a giugno ma anche a imprimere ben altro ritmo ai lavori riattivando i cantieri a partire dal 24 luglio. Dichiarazioni di intenti da prendere comunque con le molle visto che di promesse e annunci sull’anello ferroviario son piene le fosse. Senza contare che le parti sociali sostengono di non aver ricevuto alcuna rassicurazione sui salari arretrati. E spunta anche l’ipotesi della cessione di uno o più rami d’azienda da parte del colosso catanese, con ulteriore, ennesimo slittamento dei tempi. “Il cantiere dell’anello ferroviario è un’opera importante, remunerativa per l’azienda, e l’intenzione del commissario straordinario Ruperto è quella di andare avanti - affermano i sindacati degli edili, rappresentati da Ignazio Baudo per Feneal Uil, Paolo D’Anca, segretario generale della Filca Cisl Palermo-Trapani e Francesco Piastra segretario generale Fillea Cgil Palermo -. Il cantiere sarà dunque riattivato. La Tecnis attende dalla stazione appaltante, Rfi, il pagamento di una stadio di avanzamento lavorativo, maturato al 30 aprile 2017. Emesso il pagamento, saranno nelle condizioni di pagare i fornitori del cemento e del ferro e potranno ripartire i lavori. Entro fine luglio, secondo quanto annunciato al vertice, dovrebbero ripartire le opere nelle aree di viale Lazio e via Emerico Amari. E, in maniera graduale, saranno riassorbiti i 16 lavoratori con contratto a tempo determinato scaduto, rimasti fuori. Il nostro giudizio è vincolato all’effettiva ripresa delle attività e alle assunzioni dei lavoratori. E lo scioglieremo quando arriverà una risposta anche sui pagamenti delle mensilità arretrate. Quest’ultimo punto resta critico, perché i lavoratori del cantiere si aspettavano una risposta positiva che oggi purtroppo non è arrivata”.

Entro 180 giorni dal suo insediamento, Ruperto, “nell’ambito della procedura di amministrazione straordinaria delle imprese insolventi (legge ex Marzano), dovrà procedere alla redazione di un Piano di risanamento aziendale. Tutto dipende da questo piano di risanamento”, dal quale verrà fuori, come detto, se la Tecnis andrà avanti con le proprie forze o tramite la cessione di rami d’azienda, “che possono includere anche il cantiere di Palermo – aggiungono i sindacati -. Questa è un’ipotesi, sottolineata dal sindaco Orlando al tavolo, che potrebbe servire a garantire la continuità dei lavori. E Ruperto ha detto che questa potrebbe essere una delle soluzioni. Ma il piano ancora deve essere elaborato”.

In stand by resta il pagamento degli arretrati. “Il commissario al momento potrà garantire, come prevedono le procedure, solo il pagamento degli stipendi dal momento dell’insediamento, l’8 giugno scorso. Restano i dubbi sul pregresso, sulle mensilità che da gennaio in poi i lavoratori attendono - continuano Baudo, D’Anca e Piastra -. Al momento il presupposto è di tenere sempre il cantiere in sicurezza in attesa che si riparta. Valuteremo domani in un’assemblea con i lavoratori come proseguire con la vertenza”. Insomma, l’unica certezza è che almeno altre due settimane i cantieri resteranno al palo, garantendo solo la sorveglianza. “Il commissario dell’azienda Saverio Ruperto - conferma l’amministrazione comunale - ha comunicato che a partire dal 24 luglio riprenderanno a ritmo regolare i cantieri dell’anello ferroviario, con particolare riferimento a via Emerico Amari, via Lazio e all’area portuale”.

“Prendiamo atto di quanto dichiarato dall’azienda - dicono il sindaco Leoluca Orlando e l’assessore Emilio Arcuri - ma, allo stesso tempo, non possiamo che condividere con i sindacati le preoccupazioni e la richiesta di attenta vigilanza sulla corretta e spedita esecuzione dei lavori”.
 
Durante l’incontro, Arcuri ha sottolineato anche che “nessuna concessione per nuove aree sarà data, né proroghe per le aree attualmente occupate, se non registreremo un ritmo di esecuzione dei lavori adeguato a porre fine ai disagi subiti dalla città e dai cittadini”.

Articolo pubblicato il 14 luglio 2017 - © RIPRODUZIONE RISERVATA


comments powered by Disqus