Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia � su Twitterrss qds

Quotidiano di Sicilia

Qualità dell'aria a Siracusa: l'Isab ha accolto le prescrizioni del Gip
Intervento nei tempi previsti per assicurare l’operatività della raffineria

Tags: Inquinamento, Siracusa, Raffineria, Priolo, Isab



SIRACUSA - La società Isab ha accettato il programma di interventi disposto dalla Procura di Siracusa, secondo le scadenze previste nel decreto di sequestro del Gip del Tribunale aretuseo, preservando la piena operatività della raffineria. Lo ha reso noto la stessa società, controllata dalla multinazionale russa Lukoil, dopo il sequestro preventivo dello scorso 21 luglio di due impianti industriali per inquinamento ambientale: gli stabilimenti Isab Nord e Isab Sud del polo petrolchimico siracusano.
 
Il provvedimento, che ha riguardato anche lo stabilimento Esso, era stato richiesto al termine di due anni di indagini dalla Procura che aveva accertato un “significativo contributo al peggioramento della qualità dell'aria dovuto alle emissioni degli impianti”. In una nota l’azienda ha ribadito di avere “sempre operato nel rispetto delle autorizzazioni in suo possesso rilasciate dalle competenti autorità. Il contenuto tecnico e amministrativo di questi dispositivi è il risultato del vaglio tecnico e normativo di diversi esperti del settore appartenenti ad Amministrazioni locali, regionali e nazionali nel complesso meccanismo delle Conferenze di servizio che si sostanzia nella massima evidenza pubblica di tutti i documenti tecnici e amministrativi prodotti ed esaminati”.

Isab ha inoltre ricordato come nessun provvedimento autorizzativo sia mai stato impugnato “nella forma o nel merito da chicchessia e pertanto allo stato risultano pienamente validi ed efficaci”.
Il decreto di sequestro preventivo del Gip prevede per Isab l’accettazione di alcune prescrizioni che la società spiega prevedono interventi già pianificati. “Tali prescrizioni facevano già parte di un programma di interventi discussi in sede di Autorizzazione integrata ambientale con le competenti autorità ministeriali e le amministrazioni locali. La società avrebbe potuto risolversi di continuare a operare secondo quanto già prescritto dal ministero e dalle Amministrazioni locali e quindi adottare le relative azioni procedurali e giudiziarie” ma “in coerenza con la sua politica di attenzione verso la tutela dell’ambiente, dell’occupazione e dello sviluppo socio economico del territorio, ha ritenuto tuttavia di accettare il programma di interventi secondo le scadenze previste nel decreto di sequestro preservando la piena operatività della raffineria”.

La società confida di chiarire la sua posizione e la correttezza del proprio operato nel corso del procedimento giudiziario.
 

Articolo pubblicato il 02 agosto 2017 - © RIPRODUZIONE RISERVATA


comments powered by Disqus