Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia � su Twitterrss qds

Quotidiano di Sicilia

L'Ucraina e le sue chiese costruite in legno
di Redazione

Numerose e insolite strutture costruite tra il XIV e il XVIII secolo. Otto sono state riconosciute patrimonio Unesco

Tags: Ucraina, Turismo



in collaborazione con ITALPRESS
 
ROMA - Nella regione occidentale dell’Ucraina, specialmente nelle zone rurali, l’architettura vernacolare è protagonista assoluta. Lì si possono ancora oggi ammirare le numerosissime e insolite chiese in legno costruite tra il XIV e il XVIII secolo, tutt’ora usate come luoghi di culto. Si tratta di autentici capolavori gotici unici al mondo, realizzate interamente in legno dagli abitanti stessi di villaggi. Questi santuari intrecciano elementi della tradizione ecclesiastica ortodossa con caratteristiche della tradizione locale, costruite su un piano tripartito, sormontate da cupole ottagonali o quadrilateri, che presentano torri campanili, tappeti colorati e numerosissime decorazioni interne policrome, perfettamente elaborate, capaci di illustrare illustrano una molteplicità di riferimenti simbolici e sacri relativi alle tradizioni.

Tra le chiese in legno che meglio si sono preservate fino a noi, la più famosa è quella di San Michele Arcangelo, situato nella regione dei Carpazi. La chiesa è così perfettamente posizionata sul pendio e sembra cresciuta spontaneamente dal terreno. Costruita utilizzando la tecnica del legno orizzontale, grazie a eccezionali abilità di carpenteria, conserva interamente le sue parti originali.

Veri e propri monumenti, questi edifici sono la manifestazione tipica del patrimonio culturale ucraino e rappresentano lo straordinario spirito sacro del passato. Sono più di tremila, sparse in tutto il territorio e otto di esse sono state iscritte nella lista del Patrimonio mondiale Unesco nel 2010. In contemporanea, è iniziato un progetto per promuovere la conservazione e la fruizione di tutti gli edifici sacri del paese.

A Kiev, Il Museo di architettura popolare e della vita rurale è stato realizzato con l’obiettivo principale di tutelare l’architettura in legno del paese: ospita più di 105 elementi architettonici e la più antica chiesa in legno del villaggio di Kruvka. Oggi, il Museo è uno dei più grandi a cielo aperto d'Europa.

Il 18 aprile scorso, in occasione della Giornata internazionale per i monumenti, Google Ucraina, in collaborazione con il Ministero della Cultura del Paese dell’Est, ha creato un tour virtuale in 3D di tutte le otto chiese inserite all’interno del patrimonio Unesco: accedendo al sito interamente dedicato al tema (https://ukraine-kiev-tour.com/ukraine-wooden-churches.html) è possibile inoltrarsi all’interno di queste opere d’arte.

La mancanza di un forte turismo di massa offre all’Ucraina fascino e autenticità.
Inoltre, con una storia di multiculturalismo e il suo forte e continuo sviluppo, il Paese è una delle destinazioni più interessanti dell’Europa orientale.

Articolo pubblicato il 19 settembre 2017 - © RIPRODUZIONE RISERVATA


comments powered by Disqus