Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia è su Twitterrss qds
Quotidiano di Sicilia
Il QdS sul tuo smartphone
Scegli la tua app

Nasce una "sartoria sociale" in un bene confiscato alla mafia
di Redazione

Stilisti, sarti e amanti del cucito di varie etnie in un laboratorio in cui lavorano insieme persone giovani e meno giovani, italiane e straniere

Tags: Sartoria, Palermo, Beni Confiscati, Mafia, Criminalità, Attività Commerciali



 
PALERMO - Il sindaco Leoluca Orlando ha partecipato all'inaugurazione della sartoria sociale gestita dalla cooperativa sociale Al Reves e realizzata in un bene confiscato alla mafia. Erano presenti alla cerimonia, tra gli altri, anche il presidente dell'associazione Libera, don Luigi Ciotti, e gli assessori comunali al Lavoro, Giovanna Marano, ed alla Cittadinanza solidale, Giuseppe Mattina.
Il bene, trasferito dall'Agenzia nazionale per l'amministrazione e la destinazione dei beni sequestrati e confiscati alla criminalità organizzata al Comune di Palermo, è stato assegnato con la procedura dell'avviso pubblico per la concessione gratuita a terzi aventi diritto di immobili confiscati alla criminalità.
La Sartoria è un progetto di impresa sociale che riunisce stilisti, sarti e amanti del cucito di varie etnie in un laboratorio in cui lavorano insieme persone giovani e meno giovani, italiane e straniere, impegnate nel riciclo e nel riuso di abbigliamento usato. La riqualificazione del bene è stata resa possibile anche grazie al supporto di alcune realtà imprenditoriali e di privati cittadini che hanno contribuito alla ristrutturazione e alla messa a norma dei locali e permesso il coinvolgimento nei lavori di persone svantaggiate e volontari.
"Un segnale positivo - ha dichiarato Orlando - che ha anche un valore simbolico straordinariamente importante ed è la conferma del cambiamento della città che un tempo era la capitale della mafia ed oggi è, a pieno titolo, capitale della cultura, non solo artistica, ma anche di vita, legalità, solidarietà, accoglienza. L'utilizzo di questo bene confiscato alla mafia che l'Amministrazione comunale ha affidato a questa cooperativa sociale testimonia di un cammino ormai irreversibile: indietro non si torna. E' straordinario pensare che qui si realizza non soltanto un'azione di solidarietà sociale - voglio ricordare il coinvolgimento anche di chi è trattenuto al carcere di Pagliarelli - ma realizza anche una forma di aiuto ed assistenza a coloro i quali non hanno le risorse necessarie ad affrontare i costi di un abito, di un vestito, della sartoria". 

Articolo pubblicato il 15 novembre 2017 - © RIPRODUZIONE RISERVATA


comments powered by Disqus