Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia Ŕ su Twittergoogle qds rss qds
Quotidiano di Sicilia
Il QdS sul tuo smartphone
Scegli la tua app

Pesca, una "zona blu" nel Mediterraneo
di Redazione

Proposta dall’Osservatorio della Pesca, servirà a evitare la “guerra del pesce” e a promuovere la cooperazione tra i Paesi. Negli ultimi 50 anni provocati tre morti e 27 feriti e 300 i pescatori prigionieri o detenuti nei territori nordafricani

Tags: Pesca, Mediterraneo, Sicilia



MAZARA DEL VALLO - “Una ‘Blue Economic Zone’ nel Mediterraneo”. È la proposta del Distretto della Pesca e Crescita Blu e dell’Osservatorio della Pesca del Mediterraneo per superare la cosiddetta “guerra del pesce” che ha provocato negli ultimi 50 anni 3 morti e 27 feriti colpiti dal fuoco di militari di Paesi rivieraschi. Sono stati oltre 300 i pescatori prigionieri e detenuti nelle carceri dei Paesi nord africani di Libia, Tunisia, Egitto ed Algeria.
 
Pesanti sono stati altresì gli oneri pagati per il riscatto degli oltre 150 pescherecci sequestrati, dei quali sei definitivamente confiscati, cui si aggiunge oggi il “Daniela L.”, un danno economico oltre che sociale, che gli esperti dell’Osservatorio della Pesca del Mediterraneo hanno calcolato in oltre 100 milioni di euro.
 
La proposta è stata presentata dal presidente del Distretto della Pesca e Crescita Blu, Giovanni Tumbiolo, nel corso di una partecipata sessione internazionale dell’Osservatorio della Pesca del Mediterraneo, coordinato da Giuseppe Pernice, che si è svolta presso il Complesso Monumentale Filippo Corridoni, gentilmente messo a disposizione dal Comune di Mazara del Vallo.
 
“L’idea - ha spiegato il presidente Tumbiolo - è quella di promuovere la cooperazione attraverso il ‘software’ della blue economy, la filosofia produttiva propugnata dal 2009 dal Distretto della Pesca, dall’Osservatorio e dalla Regione siciliana per promuovere la cooperazione transfrontaliera nel Mediterraneo con un approccio ‘Made with Sicily’. La blue economy e le buone pratiche dell’economia circolare e della bio-economy sono fondamentali per sviluppare il modello economico del cluster, ‘hardware’ adatto per sviluppare insieme ai partner dei Paesi del Mediterraneo, attraverso un sistema di regole condivise basato sulla responsabilità individuale e collettiva delle risorse marine e terrestri, progetti condivisi. Ciò serve a valorizzare le piccole comunità costiere ed a frenare l’emorragia umana tragicamente in atto. La proposta - ha concluso Tumbiolo - è pertanto quella della creazione di una rete di piccoli cluster produttivi, un macro-distretto del Mediterraneo: la ‘Blue Economic Zone’”.
 
La riunione dell’Osservatorio della Pesca del Mediterraneo è stata aperta dal saluto ai numerosi partecipanti da parte del Sindaco, Nicola Cristaldi, che ha sottolineato come Mazara del Vallo, “città storicamente multiculturale e multietnica, sia la giusta sede per ospitare incontri di tale caratura volti a promuovere la cooperazione nel Mediterraneo”.
 
Hanno partecipato ai lavori il vice ministro della Pesca della Repubblica di Malta, Clint Camilleri, il sottosegretario di Stato della Tunisia S.E. Abdallah Rabhi, il sottosegretario di Stato e Fishering Autority dell’Egitto Hoda Hosni Mohammed, il direttore generale della Pesca della Tunisia, Ridha Mrabet, ed il direttore generale della Pesca dell’Egitto, Atef Osman.
 
Da tutti è stata invocata la rotta obbligata della pace e del dialogo per promuovere la cooperazione scientifica e tecnico produttiva fra le sponde nord e sud del Mediterraneo attraverso l’elaborazione di progetti condivisi nell’ambito della “Blue Economic Zone”. Presenti rappresentanti del Ministero Affari Esteri e Cooperazione Internazionale (il Consigliere Diplomatico Marco Villani), della Regione siciliana, Fao, Crpm, Cgpm ed altri organismi U.N.
 
Altresì presenti rappresentanti della Marina Militare e R.O.A.N. (Guardia di Finanza). Oltre alle delegazioni istituzionali, com’è insito nelle riunioni dell’Osservatorio, presenti rappresentanti del mondo scientifico, delle imprese e delle associazioni di categoria. A concludere la riunione è stato il direttore generale del Dipartimento Pesca della Regione siciliana, Dario Cartabellotta. “La creazione di piccoli cluster e la blue economic zone, attraverso dei bandi dell’Unione Europea - ha dichiarato -, riavvicineranno i giovani all’attività ittica. Stiamo avviando progetti dedicati alla trasformazione e vendita diretta dei pescatori e per formare i giovani a bordo dei pescherecci; bisogna ricostituire la catena generazionale nelle attività marittime. Pertanto stiamo superando la fase della rottamazione delle barche e delle braccia e siamo proiettati verso la valorizzazione antropologica dei mestieri del mare”.

Articolo pubblicato il 07 dicembre 2017 - © RIPRODUZIONE RISERVATA


comments powered by Disqus

´╗┐