Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia Ŕ su Twitterrss qds
Quotidiano di Sicilia
Il QdS sul tuo smartphone
Scegli la tua app

Lasciano i figli soli a casa, ma il giudice li assolve
di Redazione

Non fu abbandono di minori: i genitori uscirono di notte, ma per soccorrere un'amica. I fatti risalgono all'estate del 2016 

Tags: Figli, Palermo, Abbandono Di Minori, Giudice, Genitori



PALERMO - Il gup di Palermo, Filippo Serio, ha assolto un operario e la moglie accusati di abbandono di minori. Nell'estate del 2016 lasciarono a casa da soli, di notte, i due figli di dieci e otto anni, nella loro casa a Palermo. Secondo gli inquirenti, i genitori avrebbero fatto rimanere a casa due dei quattro figli (i due più piccoli li hanno portati con loro) per soccorrere un'amica che era rimasta in panne con l'auto. Prima di uscire il padre si sarebbe accertato del fatto che il più grande si sentisse di restare da solo.
 
Alle 3.20 i vicini chiamarono però i carabinieri perchè i due bambini erano affacciati e urlavano. Quando i militari sono intervenuti li trovarono invece sul divano a guardare la tv.
 
A chiedere l'assoluzione è stato lo stesso pm Fabiola Furnari, che ha trattato il caso nella fase del rito abbreviato, sostenendo che la condotta dei genitori non ha esposto a pericolo - sia pure presunto - i figli e che comunque non hanno agito con la consapevolezza di esporli a un pericolo di incolumità fisica.
 
Oggetto della tutela, infatti, nel caso di abbandono di minore e di incapace è la salvaguardia dal pericolo che può derivare dall'inadempimento degli obblighi legali di assistenza e non già l'inadempimento sic et simpliciter degli obblighi. Linea condivisa dal gup che ha assolto gli imputati. 

Articolo pubblicato il 07 dicembre 2017 - © RIPRODUZIONE RISERVATA


comments powered by Disqus

´╗┐