Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia Ŕ su Twitterrss qds
Quotidiano di Sicilia
Il QdS sul tuo smartphone
Scegli la tua app

Gela, trema la poltrona del sindaco Messinese
di Redazione

Seconda mozione di sfiducia in tre mesi. Documento  sottoscritto da 12 consiglieri di centrodestra e indipendenti. Forse aderiranno anche i consiglieri M5s, cui inizialmente apparteneva il sindaco 

Tags: Gela, Caltanissetta, Sindaco, Messinese, Cinque Stelle, M5s



GELA (CL) - Per la seconda volta in tre mesi il Consiglio comunale di Gela tenta di mandare a casa il sindaco Domenico Messinese (ex M5s), depositando in segreteria generale la mozione di sfiducia, sottoscritta da 12 consiglieri, il numero minimo richiesto dal regolamento per portare in aula la discussione.
 
Le firme consegnate oggi provengono dai gruppi di centrodestra e dagli indipendenti, ai quali presto potrebbero aggiungersi quelle del M5s, che "licenzio'" il sindaco nel dicembre del 2015, appena 6 mesi dopo la sua elezione, e del Pd che stasera riunisce il direttivo provinciale di Caltanissetta e domani quello cittadino.
 
La prima mozione non giunse alla discussione in aula perché all'ultimo momento una consigliera eletta nella lista del Megafono ritirò la sua adesione. Stavolta non ci dovrebbero essere sorprese. Messinese presiede una giunta tecnica ed è andato a vuoto il suo tentativo di fare un esecutivo politico, a causa del rifiuto di Forza Italia, M5s e Pd. 

Articolo pubblicato il 12 dicembre 2017 - © RIPRODUZIONE RISERVATA


comments powered by Disqus

´╗┐