Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia � su Twitterrss qds

Quotidiano di Sicilia

Ars, via ai lavori con il tormentone-Micciché
di Redazione

Anche la seconda votazione per l'elezione del presidente dell'Ars è andata a vuoto. Niente di fatto quindi per lo scranno più alto di Sala d'Ercole, dove è partita stamattina la XVII legislatura. Seduta rinviata a domani. 

Tags: Ars, Insediamento, XVII Legislatura, Micciché



PALERMO - Seconda fumata nera all'Ars: anche la seconda votazione per l'elezione del presidente dell'Ars è andata a vuoto. Gianfranco Micciché, Forza Italia, non ce l'ha fatta per un solo voto, ottenendo 35 preferenze, al di sotto della metà piu' uno dei deputati come prevede il regolamento parlamentare.
 
Sono questi i sintetici risultati dopo la prima seduta parlamentare d'insediamento per l'Assemblea regionale siciliana, che stamattina ha aperto ufficialmente la XVII legislatura. Presidente temporaneo dell’Assemblea è il deputato Alfio Papale, di Forza Italia, che è il più anziano tra gli eletti. Nel ruolo di deputati-segretari ci sono i due onorevoli più giovani, Luigi Genovese di Fi ed Elena Pagana del M5s.
 
Per la presidenza si punta su Gianfranco Micciché
 
Al centro del dibattito, l’elezione del presidente dell’Ars, che nei piani della maggioranza dovrebbe essere Gianfranco Micciché. In prima battuta servivano i 2/3 dei voti, in seconda la maggioranza assoluta. Nella maggioranza l’accordo è di votare per Micciché, ma la coalizione conta su 35 deputati in quando Pippo Gennuso è assente per motivi familiari; senza il "soccorso" da parte di pezzi delle opposizioni, dunque, la maggioranza non ha avuto i numeri nelle prime due votazioni.
 
La seduta rinviata a domani
 
Dopo le due fumate nere della prima e della seconda votazione, è stata rinviata a domani, alle 11, la seduta parlamentare per l'elezione del presidente. Nella terza votazione servirà la maggioranza assoluta dei presenti, se nessuno dovesse raggiungerla si procederà al ballottaggio tra i due deputati più votati e sarà eletto chi otterrà la maggioranza delle preferenze.

Articolo pubblicato il 15 dicembre 2017 - © RIPRODUZIONE RISERVATA


comments powered by Disqus