Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia Ŕ su Twitterrss qds
Quotidiano di Sicilia
Il QdS sul tuo smartphone
Scegli la tua app

Gas metano, tariffa aggiornata per 1 milione di famiglie siciliane
di Roberto Agati

Decisioni dell’Autorità per l’energia elettrica e il gas: diminuisce il costo dell’elettricità nel primo trimestre. Per il nucleo tipo, che consuma 1.400 mc l’anno, un aumento di 26 euro

Tags: Energia, Gas



PALERMO - Dopo che per tutto il 2009 le bollette di luce e gas hanno evidenziato importanti riduzioni, l’Autorità per l’Energia Elettrica e il Gas ha disposto per il 1° trimestre 2010 una nuova riduzione della sola tariffa elettrica del 2,2%, aumentando del 2,8% la tariffa del gas metano.

In particolare, l’Autorità per l’Energia ha aggiornato le componenti delle condizioni economiche di maggior tutela, ossia di quella tariffa che deve essere obbligatoriamente offerta a circa 1 milione di famiglie siciliane e alle piccole imprese con consumi inferiori a 200.000 mc l’anno e che non abbiano ancora deciso di passare ad un nuovo fornitore accentando le proposte commerciali presenti sul mercato libero.
 
Per il gas, la nuova tariffa prevede un prezzo di 69,34 c€ per metro cubo (tasse comprese), il che si traduce per il cliente tipo, la famiglia con riscaldamento autonomo e un consumo annuale di 1.400 metri cubi, in una spesa media annua tendenziale di 970,76 euro l’anno, 26 euro in più rispetto al precedente aggiornamento. L’aumento della tariffa gas è stato determinato in particolare dall’incremento dei costi di acquisto della materia prima gas sul mercato libero di circa 2 cent€/mc, +9,6%. Ricordiamo che l’aggiornamento del prezzo del gas è basato su indicatori legati alle quotazioni di petrolio, gasolio e oli combustibili dei nove mesi precedenti. Ciò garantisce una certa stabilità dei prezzi attenuando nel tempo eventuali picchi del prezzo degli idrocarburi.

Per l’energia elettrica, l’aggiornamento della tariffa prevede un prezzo di 16,26 c€ per kWh (tasse comprese), in calo del 2,2% rispetto al precedente trimestre, con una spesa media annua tendenziale di 439,02 euro e un risparmio di circa 10 euro l’anno per il cliente residenziale tipo, ossia la famiglia che consuma 2.700 kWh l’anno e ha una potenza impegnata di 3 kW. Nel complesso, la spesa media per il gas e la luce delle famiglie, nei primi tre mesi del 2010, aumenterà dell’1,1% rispetto all’ultimo trimestre del 2009, con un incremento totale di 16 euro su base annua. Tuttavia per le famiglie numerose o in condizioni di particolare disagio economico continueranno a sussistere i benefici introdotti dal bonus gas e dal bonus elettrico che permetteranno ai beneficiari di ottenere una riduzione del 15-20% delle bollette energetiche (imposte escluse).

Con l’avvio del bonus gas, cumulabile con quello elettrico, cresce il pacchetto dei benefici economici destinato ai consumatori più bisognosi: famiglie numerose (con oltre 3 figli e un Isee inferiore a 20.000 €), famiglie in condizione di disagio economico (con un Isee inferiore a 7.500 €) e i malati che sono obbligati ad utilizzare apparecchiature elettromedicali salvavita.
Cumulando i bonus gas ed elettricità si potranno ottenere riduzioni economiche comprese tra 82 e 359 euro in ragione della numerosità della famiglia, delle condizioni di disagio economico e delle condizioni di consumo del gas metano. Infine, con le domande per il bonus gas presentate al Comune di residenza prima del 30 aprile 2010 è possibile ottenere il beneficio retroattivo a tutto il 2009.

Articolo pubblicato il 08 gennaio 2010 - © RIPRODUZIONE RISERVATA


comments powered by Disqus


´╗┐