Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia è su Twitterrss qds
Quotidiano di Sicilia
Il QdS sul tuo smartphone
Scegli la tua app

Catania - Comune, tentazioni romane e nuovi scossoni in Giunta
di Desirée Miranda

La dimissionaria Valentina Scialfa papabile candidata. Anche il vice sindaco pronto al salto
 

Tags: Catania, Enzo Bianco, Marco Consoli, Valentina Scialfa



CATANIA - Ancora scossoni alla giunta comunale guidata da Enzo Bianco con le recenti dimissioni dal suo ruolo di assessore di Valentina Scialfa. Ribolle la politica cittadina anche in previsione delle future elezioni per il rinnovo del Parlament, mentre il sindaco annuncia la sua candidatura anche per i prossimi cinque anni.
 
Dopo il passo indietro di Angelo Villari, ex assessore al welfare, arrivato peraltro dopo le dimissioni di Fiorentino Trojano, e sostituito da Fortunato Parisi, dopo le dimissioni di Angela Mazzola al Commercio sostituita da Nuccio Lombardo, adesso è il momento della sostituzione nell'ambito delle politiche scolastiche.
 
Al posto di Scialfa è stata subito nominata Maria Ausilia Mastrandrea, già consigliere comunale nel gruppo Patto per Catania. Alla Mastrandrea però, non andranno tutte le deleghe seguite da Scialfa. Secondo quanto comunicato dal primo cittadino il nuovo assessore si occuperà di scuola e pari opportunità, mentre lo sport sarà seguito da Enzo Falzone, delegato provinciale del Coni e già presidente regionale della Fipav (Federazione italiana pallavolo), il quale, per importanti eventi e iniziative, sarà coadiuvato da Orazio Arancio, membro del comitato nazionale del Coni e uomo di punta del Rugby catanese e italiano.
 
“Sono profondamente rammaricato - ha detto il sindaco - per la decisione dell’assessore Scialfa. Ma voglio esprimere il mio ringraziamento per l’attività svolta e gli obiettivi conseguiti nel settore scolastico e sportivo: le esternalizzazioni degli impianti sportivi, i progetti presentati e già finanziati per strutture di grande importanza come PalaCatania, piscina di Nesima, campo di rugby Benito Paolone, e, in attesa di finanziamento, di Campo scuola e PalaSpedini; l’attenzione agli edifici scolastici con il completamento dell’adeguamento antincendio in 60 scuole o con il finanziamento della scuola di Vaccarizzo, operando al massimo per tutelare prima di tutto il benessere dei degli alunni catanesi”.
 
Se da una parte il primo cittadino etneo esalta il lavoro dell'ormai ex assessore, in città i rumors si fanno sempre più pressanti volendo la Scialfa dimissionaria come papibile candidata alle prossime elezioni politiche tra le fila di Forza Italia.
In effetti, l'ex assessore Scialfa ha parlato di una scelta per “voltare pagina rispetto al mio impegno diretto nella gestione amministrativa e di interrompere quindi la mia esperienza in Giunta”.
 
Divisa, come di consueto, maggioranza e opposizione. Se quindi da una parte Marco Consoli, vice sindaco, elogia le qualità e il lavoro della collega, dall'altro sottolinea, come ha fatto lei stessa, che non si tratta di un esponente politico, ma di un tecnico prestato alla politica.
 
Inoltre, confermando la sua volontà di candidarsi alle politiche nazionali, Consoli sottolinea come la legge non sia ancora stata chiarita in merito ai requisiti di candidabilità e quindi “non mi sento di parlare di abbandono”, dice.
“Stiamo cercando di capire se le lezioni del 4 marzo (nazionali ndr.) sono da considerare anticipate oppure no, perché in questo caso i sindaci e gli assessori possono dimettersi entro domani o dopodomani, se invece si tratta di elezione ordinaria, potrebbe esserci qualche problema interpretativo sulla normativa e quindi un'eventuale discesa in campo di chi sindaco non è. Ci sono ancora troppe cose che vanno chiarite prima di passare all'ufficialità dei nomi. Io comunque posso dire quello che accade in casa centrosinistra con cui sono e rimarrò”, dichiara Consoli.
 
Duro l'attacco da parte dei consiglieri di Fratelli D'Italia che riferendosi a Bianco dicono: “L’unico a non accorgersi che la nave affonda”.

Articolo pubblicato il 04 gennaio 2018 - © RIPRODUZIONE RISERVATA


comments powered by Disqus