Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia � su Twitterrss qds

Quotidiano di Sicilia

I "pendolari del voto": previste riduzioni per i viaggi in treno, nave ed aereo
di Redazione

Elettori che devono necessariamente raggiungere il comune di residenza per esercitare il proprio diritto. Trenitalia: -70% del prezzo base per i treni di medio-lunga percorrenza, -60% per quelli regionali

Tags: Elezioni 2018



CATANIA - Al contrario di ciò che è permesso ai cittadini italiani residenti all’estero - che possono votare anche lontano dal luogo di origini - chi si trova all'interno dei confini nazionali non può votare da un'altra parte o per corrispondenza. Così, tranne che per alcune categorie espressamente previste dalla legge - come le persone ricoverate negli ospedali e nelle case di cura, o come i militari - gli elettori per esercitare il diritto di voto devono necessariamente raggiungere il comune di residenza e recarsi presso il proprio seggio di iscrizione elettorale. Per loro, però, come detto sono previsti degli sconti sulle tariffe dei viaggi in treno, aereo o nave.
 
Fuori sede, le agevolazioni per il trasporto ferroviario
Trenitalia, ad esempio, ha lanciato l'offerta “Viaggi degli elettori”. I biglietti agevolati per gli elettori potranno essere acquistati per viaggi da effettuare nell’arco temporale di venti giorni a ridosso dei giorni di votazione. Tale periodo decorre, per il viaggio di andata, dal decimo giorno antecedente il giorno di votazione (compreso) e, per il viaggio di ritorno, fino alle ore 24 del decimo giorno successivo al giorno di votazione (escluso). Il viaggio di andata, dunque, non può essere effettuato prima del 23 febbraio 2018 e quello di ritorno va preso non oltre il 14 marzo 2018.
Per usufruire delle riduzioni gli elettori dovranno esibire, nelle biglietterie e nelle agenzie di viaggio autorizzate, i seguenti documenti:
- documento di identità;
- documento/tessera elettorale;
- timbratura tessera elettorale che attesti l’avvenuta votazione (per il viaggio di ritorno).
Questi documenti, insieme ai biglietti relativi al viaggio di andata e a quello di ritorno, dovranno essere presentati al personale di bordo.
 
Chi è sprovvisto di tessera elettorale, per ottenere la riduzione, dovrà sottoscrivere e presentare - esclusivamente in biglietteria - una dichiarazione sostitutiva per il viaggio di andata. In ogni caso, per il viaggio di ritorno l’elettore dovrà esibire, oltre ai biglietti di viaggio, anche la tessera elettorale regolarmente vidimata o, in mancanza di questa, un’apposita dichiarazione rilasciata dal presidente del seggio elettorale che attesti l’avvenuta votazione.
 
Le agevolazioni previste sono:
- 70% del prezzo base per i treni media-lunga percorrenza nazionale (Frecciarossa, Frecciargento, Frecciabianca, Intercity e IntercityNotte) e servizio cuccette;
- riduzione 60% sui biglietti per treni Regionali.

Articolo pubblicato il 24 febbraio 2018 - © RIPRODUZIONE RISERVATA


comments powered by Disqus