Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia � su Twitterrss qds

Quotidiano di Sicilia

Enna - Assoro punta sulla mobilità dolce
di Lucia Russo

L’assessore Giangreco e il presidente dell’Asd Etna Free Bike Maccarrone sull’evento di domenica 18 marzo. Circuito ad anello inclusivo del tracciato dell’antica ferrovia da Dittaino a Leonforte 

Tags: Assoro, Ferrovie, Etna Free Bike



ENNA – Assoro, comune ennese di circa 5.300 abitanti, ma con una storia antichissima risalente ai Siculi che ne furono i fondatori, domenica prossima 18 marzo è protagonista tra gli eventi nazionali per il mese delle ferrovie dimenticate indetto da Co.Mo.Do, Cooperazione per la Mobilità dolce (leggi).
 
Sibilla Giangreco, assessore comunale già dal 2009 al 2011, poi consigliere comunale di maggioranza e dal 2014 a oggi assessore alle Politiche ambientali, Progettazione europea e Viabilità, esprime soddisfazione: “Di anno in anno la partecipazione a tale evento nazionale ha consentito la valorizzazione di una tratta ormai non più dimenticata nonché un’ampia risonanza nell’ambito dell’ecoturismo. Essa è sfuggita all’usura del tempo grazie ad una costante bonifica e al recupero di tutto il percorso che oggi è oggetto di una progettazione modulare, che nel tempo vedrà non solo la mappatura digitale e la promozione nei circuiti siciliani delle ciclovie di montagna, ma anche la creazione di attività collaterali di artigianato e valorizzazione delle pregiate produzioni agroalimentari che il territorio offre”.
 
Valorizzazione del territorio, dunque, resa possibile da associazioni private che praticano il turismo escursionistico, tra le quali protagonista è l’Asd Etnafreebike che ha organizzato l’evento insieme ad Assocavalli di Assoro. “Si tratta - sottolinea la Giangreco - di una delle poche manifestazioni che coniuga sulla stessa tratta, nella stessa giornata differenti tipologie di fruizione. Infatti, grazie alla collaborazione di realtà associative sportive e turistiche, locali e regionali, si può percorrere il percorso a piedi, a cavallo e in bici con offerte specifiche per ognuna delle tipologie di attività”.
 
Il presidente di Asd Etna Free Bike, Rosario Maccarrone, spiega: “Etnafreebike ha messo a punto negli anni un percorso ad anello quasi interamente su sterrato che passa dalle affascinanti strutture ferroviarie, ancora perfettamente conservate, alla magia della natura del bosco siciliano. Siamo stati pionieri nello scoprire e valorizzare antichi tratti ferroviari, un lavoro su cui Etna Free Bike ha lavorato per anni mettendo a punto straordinari percorsi strappandoli ad un’inesorabile destino di degrado ed abbandono. Oggi possiamo dire con soddisfazione ed orgoglio che il messaggio è stato recepito ed interiorizzato dalle amministrazioni locali e dagli abitanti dei territori che ci supportano e vedono questi luoghi, prima quasi da dimenticare, come avanguardia di un nuovo concetto di turismo e mobilità, la cosiddetta ‘mobilità dolce’. La fruizione di questi luoghi in bici a piedi o a cavallo è un’esperienza che chiunque dovrebbe fare per riscoprire quell’edificante rapporto simbiotico tra uomo e natura”.
 
Appuntamento alle ore 9 ad Assoro in località Cavalcatore. Si percorrerà - chiarisce Maccarrone - il tracciato dell’antica ferrovia di montagna che conduceva da Dittaino a Leonforte, attraversando antiche gallerie e ponti ferroviari perfettamente conservati. Abbandonata la sede dell’antica ferrovia l’itinerario procederà ai piedi della collina su cui si scorge il paese di Assoro ed i ruderi dell’imponente castello fino ad attraversare un magico bosco. Il circuito si chiude ad anello sul punto di partenza, dove alla fine della manifestazione si potrà godere di una mega spaghettata alla tradizione siciliana e partecipare al sorteggio di premi, concludendo una giornata di puro sport natura e divertimento.
 
Per informazioni e iscrizioni consultare www.etnafreebike.com”.

Articolo pubblicato il 14 marzo 2018 - © RIPRODUZIONE RISERVATA


comments powered by Disqus