Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia Ŕ su Twitterrss qds
Quotidiano di Sicilia
Il QdS sul tuo smartphone
Scegli la tua app

Agevolazioni per chi investe nel turismo
di Francesco Torre

Sulla Gurs del 9 marzo sono stati pubblicati i bandi relativi alle misure 3.3.2 e 3.3.3 per le imprese turistiche. Disponibili in totale 70 milioni per aziende del settore artistico, creativo, culturale, e della ristorazione  

Tags: Turismo, Agevolazioni



PALERMO - Dopo aver approfondito l’avviso pubblico misura 3.3.4, avente ad oggetto il “sostegno alla competitività delle imprese nelle destinazioni turistiche”, è bene prestare grande attenzione anche agli altri due bandi europei destinati ad imprese siciliane e pubblicati nella GURS del 9 marzo scorso: rispettivamente le misure 3.3.2 e 3.3.3.
 
I codici confondono. Per chiarire meglio le idee conviene allora operare una prima fondamentale distinzione: la misura 3.3.3. è unicamente per reti di imprese, mentre la 3.3.2 è sia per reti e consorzi che per imprese singole. Iniziamo da quest’ultima.
Con l’azione 3.3.2 l’Assessorato regionale delle Attività Produttive intende sostenere micro, piccole e medie imprese, operanti anche in forma aggregata, che offrano prodotti e servizi complementari alla valorizzazione degli attrattori culturali e naturali rientranti nella World Heritage List dell’Unesco e nella lista degli attrattori del patrimonio regionale di riconosciuta rilevanza strategica. In particolare saranno sostenuti investimenti che determinino: 1) un incremento della qualità o lo sviluppo della gamma di prodotti e servizi; 2) una migliore commercializzazione e distribuzione dei prodotti e servizi offerti anche mediante il ricorso alle ICT; 3) la promozione di un uso efficiente delle risorse e di modelli di business circolari.
 
La dotazione finanziaria disponibile è pari a € 33.201.341,36, e il costo totale ammissibile di ogni progetto presentato non potrà essere superiore a € 500.000. Le istanze potranno essere presentate a partire dalle ore 12,00 del 40° giorno e sino alle ore 12,00 del 70° giorno entrambi decorrenti dalla data di pubblicazione del presente estratto nella Gazzetta Ufficiale della Regione siciliana.
Con l’azione 3.3.3., invece, l’obiettivo che la Regione si pone è quello di sostenere le micro, piccole e medie imprese del settore turistico, operanti in Reti di imprese, al fine della costruzione di un prodotto integrato nelle destinazioni turistiche (anche sperimentando modelli innovativi, quali dynamic packaging, marketing networking, tourism information system, customer relationship management). Le operazioni dovranno essere finalizzate ad esempio a: 1) organizzazioni di prodotti e pacchetti turistici; 2) adeguamento dei sistemi informativi e dei relativi servizi; 3) azioni di web marketing, web reputation, e-commerce; 4) predisposizione di materiale multimediale; 5) realizzazione di iniziative di ospitalità ed educational tour.
 
Per questo avviso la dotazione finanziaria è addirittura superiore (37 mln di euro tondi tondi), ma il limite alle spese ammissibili rimane di 500.000 euro a progetto. La finestra per presentare istanza, invece, rimarrà aperta dal 60° al 90° giorno dalla pubblicazione in GURS, e trattandosi di bandi a sportello conviene presentare istanza nel momento dell’apertura della call, fermo restando che le prenotazioni delle domande dovranno essere inoltrate solo via web avvalendosi del portale delle agevolazioni (http://portaleagevolazioni.regione.sicilia.it) secondo le procedure indicate nello stesso sito e compilando il modulo di domanda presente nell’Allegato 1 dell’Avviso.
 
Un’ultima specifica riguarda i beneficiari. Abbiamo già detto che la misura 3.3.3 è solo per reti di imprese, ma è bene aver chiaro che i due avvisi sono rivolti ad aziende che operano nei settori artistico, creativo e culturale, turistico e ricreativo, dei prodotti artigianali tradizionali e tipici dei territori, dei servizi di alloggio e ristorazione, dei servizi e attività per favorire l’accessibilità degli attrattori, dei servizi di informazione e comunicazione. E speriamo che quest’ulteriore fiume di soldi (complessivamente i 3 bandi muoveranno quasi 105 mln di euro) serva ad innalzare il numero dei turisti e la qualità dell’offerta.

Articolo pubblicato il 10 aprile 2018 - © RIPRODUZIONE RISERVATA


comments powered by Disqus

´╗┐