Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia � su Twitterrss qds

Quotidiano di Sicilia

Da De Luca 750 emendamenti alla "Finanziaria degli asini volanti"
di Raffaella Pessina

Sulle partecipate: “Via Cda di enti senza bilanci. nessuno sa quanti dipendenti hanno”. Il deputato regionale attacca: “Governo prigioniero di alti burocrati” 

Tags: Ars, Finanziaria, Cateno De Luca



PALERMO - Il presidente del gruppo Misto all’Assemblea regionale siciliana ha presentato 750 emendamenti alla finanziaria in esame in Commissione bilancio all’Ars. Quella che De Luca ha chiamato “una finanziaria degli asini volanti” sarebbe “il sintomo di una situazione grave sui conti pubblici regionali”.
 
“Ci siamo accorti di un’anomalia - ha detto De Luca nel corso di una conferenza stampa che si è tenuta ieri a Palazzo dei Normanni - il blocco assunzioni è stato efficace solo per le società partecipate, ma tutti gli enti regionali, circa 120, tra i quali l’istituto Vino e olio, a me risulta che abbiano fatto assunzioni in continuazione. Uno sforamento di circa 650 milioni dai parametri del pareggio, con una crescita della spesa di 500 milioni di euro”.
 
I suoi emendamenti prevedono, come lui stesso ha spiegato, la abrogazione di tutti i contratti del personale esterno assunto nei gruppi parlamentari (D6), negli staff dei componenti del Consiglio di presidenza dell’Ars, nella Fondazione Federico II.
“Questo farà risparmiare una cifra come 16 milioni l'anno – ha detto De Luca - esattamente il doppio di quanto il collega Giancarlo Cancelleri del M5s prevede di risparmiare con il taglio delle indennità”.
 
Inoltre, negli emendamenti è previsto di cancellare i rapporti di lavoro di chi è stato assunto nei 162 enti regionali e di ridurre le indennità dei deputati introducendo al contempo un premio per gli onorevoli più virtuosi. “Ci sono enti che dal 2011 non presentano bilanci consuntivi. Come mai? Perché nessuno è intervenuto? Ho chiesto più volte quanti sono i dipendenti di questi 161 enti ma nessuno lo sa, io ne stimo 2-3 mila. è possibile? Il governo non può continuare a tollerare questa situazione. Ecco perché tra gli emendamenti che ho presentato alla manovra c'è una norma che prevede la decadenza degli amministratori degli enti che non presentano i bilanci alla giunta, oltre al licenziamento di tutto il personale assunto non si capisce in che modo”.
 
Un pacchetto di emendamenti destinato a suscitare non poche polemiche. “Non sarò io a fare saltare il banco e a far sciogliere l’Ars perché significa fare scoppiare la bomba, che invece può essere disinnescata: ma il governo non può pensare di avere il mio voto con questo ricatto morale. Il governo è prigioniero degli alti burocrati – ha proseguito De Luca - si deve liberare e avviare gli interventi strutturali promessi in campagna elettorale”.

Articolo pubblicato il 18 aprile 2018 - © RIPRODUZIONE RISERVATA


comments powered by Disqus