Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia � su Twitterrss qds

Quotidiano di Sicilia

Messina Denaro: la cosca "familistica"
di Redazione

Il superlatitante è “figlio d’arte” visto che il padre era Francesco Messina Denaro, capo della cosca di Castelvetrano, che gli aveva trasmesso il bastone del comando dopo essere stato stroncato da un infarto nel 1998, mentre era anche lui latitante. Fratelli, sorelle, nipoti, cugini e cognati nell’organigramma del clan. Nei giorni scorsi condannati sorella e nipote "del cuore"


Tags: Matteo Messina Denaro, Mafia



Una “famiglia” mafiosa in senso stretto quella che ha consentito finora la lunghissima latitanza – venticinque anni, un quarto di secolo – di Matteo Messina Denaro, 56 anni, boss di Castelvetrano e di Cosa nostra.
 
E a ben guardare “figlio d’arte” visto che il padre del boss era Francesco Messina Denaro, capo della cosca di Castelvetrano e del relativo mandamento, che gli aveva trasmesso il bastone del comando dopo essere stato stroncato da un infarto nel 1998, mentre era anche lui latitante.
 
Forse anche per questo è sempre stato il legame di sangue a guidare il boss latitante Matteo Messina Denaro nella scelta degli uomini a cui affidare affari e gestione delle attività illecite.

Il vincolo mafioso finisce col coincidere con quello familiare.
 
Il particolare emerge netto dall'inchiesta della Dda di Palermo che ha portato al fermo di 22 tra boss e favoreggiatori del clan di Messina Denaro tra i quali diversi suoi familiari.
 
Le indagini nel tempo hanno individuato al vertice delle cosche il cognato del capomafia Filippo Guttadauro, poi il fratello Salvatore Messina Denaro, quindi il cognato Vincenzo Panicola e il cugino Giovanni Filardo.
E ancora il cugino acquisito Lorenzo Cimarosa, poi pentitosi, la sorella Patrizia Messina Denaro, i nipoti Francesco Guttadauro e Luca Bellomo.
 
Oggi si conferma la scelta "familistica" del boss nel disegnare l'organigramma del clan ed emerge il ruolo di protagonista in tutte le dinamiche mafiose sul territorio di due cognati del latitante che sono tra i fermati.
 
Proprio due giorni fa la quinta sezione penale della Corte di Cassazione aveva confermato la sentenza con cui, il 10 ottobre 2016, la Corte d’appello di Palermo aveva condannato a 14 anni e mezzo di carcere, per associazione mafiosa, Anna Patrizia Messina Denaro, sorella del boss. Era stata confermata, inoltre, la condanna 16 anni per Francesco Guttadauro, "nipote del cuore" del super latitante.
 
La sentenza di primo grado era stata emessa dal Tribunale di Marsala il 31 marzo 2015.
Zia e nipote sono ritenuti colpevoli di associazione mafiosa. Il processo era scaturito dall’operazione antimafia Eden del 13 dicembre del 2013.
 
 
 
 

Articolo pubblicato il 19 aprile 2018 - © RIPRODUZIONE RISERVATA




Leggi tutti gli articoli sull'argomento
  • Mafia: pm, "Messina Denaro colpito al cuore" -
    Lo ha detto il procuratore aggiunto di Palermo Paolo Guido.  Anche il fratello e i due cognati del superlatitante capo di Cosa nostratra le ventidue persone colpite da ordini di custodia cautelare in carcere e considerate appartenentii alle cosche del Trapanese più vicine al boss. Individuata la rete utilizzata dal capo di Cosa nostra per lo smistamento dei pizzini con i quali dava le disposizioni agli affiliati. Chi è Matteo Messina Denaro
    (19 aprile 2018)
  • Messina Denaro: operazione per prevenire guerra di mafia -
    Il rischio di una nuova sanguinosa faida e quello della fuga di alcuni indagati ha indotto la Dda di Palermo a disporre il fermo di 22 tra presunti boss e favoreggiatori del clan del superlatitante capo di Cosa nostra. Tutto partì dall’uccisione di Marcianò, genero del boss di Mazara
    (19 aprile 2018)
  • Messina Denaro: la cosca "familistica" -
    Il superlatitante è “figlio d’arte” visto che il padre era Francesco Messina Denaro, capo della cosca di Castelvetrano, che gli aveva trasmesso il bastone del comando dopo essere stato stroncato da un infarto nel 1998, mentre era anche lui latitante. Fratelli, sorelle, nipoti, cugini e cognati nell’organigramma del clan. Nei giorni scorsi condannati sorella e nipote "del cuore"

    (19 aprile 2018)
  • Messina Denaro: intercettazioni, boss "Come Padre Pio" -
    L’accostamento ai Santi da parte di uno dei mafiosi finiti in cella. Agghiaccianti i discorsi sul piccolo Di Matteo, con la giustificazione dell’atto: "Allora ha sciolto a quello nell'acido, non ha fatto bene? Ha fatto bene". E un boss rivela "Matteo era nascosto in Calabria". I pizzini distrutti
    TUTTI I PARTICOLARI ALL'INTERNO
     
    (19 aprile 2018)


comments powered by Disqus