Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia Ŕ su Twitterrss qds
Quotidiano di Sicilia
Il QdS sul tuo smartphone
Scegli la tua app

Governo: M5s-Pd? Fico!
di Redazione

Il "pensiero stupendo" di Mattarella viaggia sulle gambe del presidente della Camera che oggi vede prima i pentastellati e poi i dem per cercare di dare una guida al Paese dopo che la trattativa tra grillini e centrodestra è stata bloccata dai veti incrociati di Salvini e Berlusconi
 



Un governo tra M5s-Pd? Fico!

Il "pensiero stupendo" di Mattarella viaggia sulle gambe del presidente della Camera che oggi vedrà prima i pentastellati e poi i dem per cercare di dare una guida al Paese dopo che la trattativa tra grillini e centrodestra è stata bloccata dai veti incrociati di Salvini e Berlusconi.
 
Dopo che le consultazioni della Casellati si sono chiuse con un nulla di fatto per un esecutivo M5S-Lega, il capo dello Stato ha affidato ieri l'incarico a Roberto Fico che ha ricevuto un mandato esplorativo per la formazione di un governo sostenuto da una maggioranza pentastellata e dem.
 
In serata il segretario reggente del Pd Maurizio Martina ha aperto al confronto "con spirito di leale collaborazione", ma a partire dalla conclusione "di ogni ambiguità e di trattative parallele con noi e con Lega e centrodestra".
 
Luigi Di Maio si è detto disponibile a valutare la possibilità di un percorso con i dem: "Questa è la settimana decisiva per dare un Governo al Paese e sono molto ottimista".
 
Ma ha messo le mani avanti, come sempre, perché dopo tutto quanto detto contro il Pd, è difficile tornare sui propri passi.
 
"Non sarà un'alleanza - ha detto Di Maio - e voglio dirlo chiaramente ai nostri attivisti: quello che valeva per la Lega, vale anche per il Pd. Le condizioni non cambiano: vogliamo un contratto di governo per realizzare quanto abbiamo promesso in campagna elettorale".
 
Berlusconi commenta, amaro: "Esce battuto e fortemente ridimensionato il dilettantismo dei 5 Stelle rispetto al voto di protesta espresso dagli elettori alle politiche. I grillini si dimostrano del tutto non credibili per una funzione di governo".
 
Fico, tra i grillini, pare il più affidabile. E ieri ha affermato: "Mi metterò a lavoro da subito, per me il punto fondamentale è partire dai temi e dal programma, per l'interesse del Paese".
 
Dopo aver incontrato ieri il premier uscente Paolo Gentiloni, Fico vedrà oggi la presidente del Senato Casellati e per il pomeriggio sono fissati i colloqui con le forze politiche.
 
 

Articolo pubblicato il 24 aprile 2018 - © RIPRODUZIONE RISERVATA


comments powered by Disqus

´╗┐