Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia Ŕ su Twitterrss qds
Quotidiano di Sicilia
Il QdS sul tuo smartphone
Scegli la tua app

Corruzione all'Ispettorato di Catania: Forzese, Nicotra e le elezioni comunali
di Redazione

Secondo il Gip Giuliana Sammartino l'ex deputato e l'ex consigliere comunale di centrodestra erano "Attivi nel coltivare clientele e crediti politici anche in previsione delle imminenti elezioni Comunali di Catania". I domiciliari "per interrompere i collegamenti ... con i rispettivi contesti politici e clientelari"



L'ex deputato regionale Marco Forzese e l'ex consigliere comunale di Catania Antonino Nicotra "a prescindere dal fatto che rivestano o meno cariche attuali, sono risultati attivi nel coltivare clientele e crediti politici anche in previsione delle imminenti elezioni Comunali di Catania".
 
Lo scrive il Gip Giuliana Sammartino nell'ordinanza in cui, accogliendo la ricostruzione dell'accusa, dispone gli arresti domiciliari per i due politici nell'ambito dell'inchiesta 'Black job'.
 
La Procura aveva chiesto la custodia cautelare in carcere per entrambi, ma il Gip ritiene che la misura meno afflittiva e di divieti conseguenti "appaia sufficiente per interrompere i collegamenti illeciti e lo scambio di utilità con i rispettivi contesti politici e clientelari".
 
Nel disporre gli arresti domiciliari del direttore dell'ispettorato del lavoro di Catania (anche per lui e la responsabile dell'ufficio legale, Rosa Maria Trovato, i Pm avevano chiesto il carcere), il Gip considera "la posizione apicale" di Domenico Tito Amich, e "il mercimonio sistematico e privo di remore delle sue funzioni perpetuato con abitualità, la spregiudicatezza dimostrata nel fare sparire un fascicolo dal suo archivio dentro la giacca del privato corruttore, nonché la totale disponibilità a strumentalizzare le sue funzioni a beneficio dei politici in vista di un'utilità".
 
A questo proposito il Gip cita il passaggio di ringraziamento all'ex presidente della Regione Siciliana, Raffaele Lombardo, grazie al quale aveva avuto la conferma del suo incarico a Catania, contenuto nell'inchiesta: "lei può contare su di me a qualunque livello, lei lo sa benissimo. Soltanto questo ci tenevo a dirle...".
 
Per i cinque indagati per cui il Gip ha disposto l'interdizione dai pubblico ufficio, professionale o imprenditoriale la Procura aveva chiesto gli arresti domiciliari.
 

Articolo pubblicato il 03 maggio 2018 - © RIPRODUZIONE RISERVATA




Leggi tutti gli articoli sull'argomento
  • Corruzione all'Ispettorato di Catania, arrestato Marco Forzese -
    Nel corso dell'operazione Black job (Lavoro nero), con l'ex deputato regionale ai domiciliari anche l'ex consigliere comunale Nicotra e il direttore Amich. L'accusa: Forzese fece sparire un fascicolo contro un imprenditore in cambio di voti.  Per le altre persone raggiunte dai provvedimenti cautelari eseguiti dalla Guardia di Finanza su ordine del Gip disposta l'interdizione dalla professione. La Regione ha sostituito il direttore
    TUTTI I NOMI ALL'INTERNO
    (03 maggio 2018)
  • Corruzione all'Ispettorato di Catania: l'indignazione della Cgil -
    Per il sindacato anni di denunce contro lavoro nero e incidenti sul lavoro ora hanno una chiave di lettura che passa dalla corruzione, con funzionari come consulenti delle aziende non in regola ai danni di tutti i contribuenti
    (03 maggio 2018)
  • Corruzione all'Ispettorato di Catania: Zuccaro, "Situazione devastante" -
    Il Procuratore etneo, "Funzionari pubblici al servizio dei privati". Il pm Regolo, "Mercimonio della funzione pubblica". La Finanza, "Alzato velo su un sistema, inchiesta sviluppata anche grazie alla collaborazione di funzionari onesti"
     
    (03 maggio 2018)
  • Corruzione all'Ispettorato di Catania: fascicoli in cambio di voti -
    Le telecamere nascoste della Guardia di Finanza hanno ripreso Forzese con il gestore di una tabaccheria che preleva un incartamento. In cambio dell'annullamento di sanzioni e rateizzazioni al minimo c'erano voti e un soccorso politico alla Regione per ottenere promozioni o assunzioni in strutture pubbliche
    (03 maggio 2018)
  • Corruzione all'Ispettorato di Catania: Forzese, Nicotra e le elezioni comunali -
    Secondo il Gip Giuliana Sammartino l'ex deputato e l'ex consigliere comunale di centrodestra erano "Attivi nel coltivare clientele e crediti politici anche in previsione delle imminenti elezioni Comunali di Catania". I domiciliari "per interrompere i collegamenti ... con i rispettivi contesti politici e clientelari"
    (03 maggio 2018)


comments powered by Disqus

´╗┐